Freeride

Monte Bianco. Chiusa per motivi di sicurezza la scala del Toula

La società Funivie del Monte Bianco ha annunciato la chiusura della scala di accesso al ghiacciaio del Toula per motivi di sicurezza. Chiusura che si protrarrà per tutta la stagione invernale 2019/2020.

Impossibile assicurare minimi livelli di sicurezza

“Stante l’impossibilità di verificare strutturalmente la tratta più alta della scala, attualmente inglobata dal ghiacciaio stesso e dall’accumulo nevoso caratterizzante il settore, oltre che in considerazione della situazione geo-strutturale complessiva, recentemente ri-analizzata, sono emerse criticità che impediscono di garantire minimi livelli di sicurezza comunque necessari anche in contesti di alta montagna”, si legge nella nota di Funivie Monte Bianco.

“In tale contesto non risulta, ad oggi, possibile individuare e porre in essere interventi atti a ripristinare livelli di sicurezza minimi necessari a rendere agibile il manufatto”.

La chiusura immediata è stata decisa in accordo con il Comune di Courmayeur, “e previo confronto con i professionisti e le istituzioni competenti, sulla base di risultanze tecniche asseverate da professionisti indipendenti”.

Accesso al ghiacciaio del Toula

Al ghiacciaio del Toula, uno dei più classici itinerari di freeride delle Alpi, si potrà ora accedere solo dall’impegnativo Canale del Tedesco, 200 metri con una pendenza di 45 gradi, riservato agli sciatori più esperti e, possibilmente, accompagnati da una guida alpina.

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Dopo aver collocato tonnellate di ferraglia , ora per eventuali incidenti dovuti a cedimenti strutturali o danni rispondono varie istituzioni locali, per cui siccome spesso Presidenti di sezioni Cai, Sindaci, Assessori non vogliono rischiare patrimoni personali per cariche solo fonte di rogne, si emanao decreti di chiusure.Poi seguiranno smantellamenti parziali dei primi tratti , quindi chi percorrera’ di propria spontanea iniziativa infrangendo divieti lo fara’ a proprio rischio e pericolo pure senza piantare grane per avere risarcimenti.C’e’stato chi ha chiesto risarcimenti per distacco di sasso da paretona affiancata a sentiero….almeno c’ha provato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close