• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Arrampicata

Anak Verhoeven realizza la prima salita femminile di “Joe Mama” (9a+) a Oliana

Anak VerhoevenAnak Verhoeven sulla via “Joe Mama”, 9a+ della falesia di Oliana – Foto Instagram Anak Verhoeven

La campionessa belga Anak Verhoeven ha realizzato la prima salita femminile della celebre via “Joe Mama”, 9a+ della falesia di Oliana (Spagna) che vantava finora solo 6 salite.

Chiodata da Joe Kinder, è stata liberata nel 2016 da Klemen Bečan, compagno di cordata di Chris Sharma che è riuscito nell’intento di realizzarne la prima ripetizione solo un anno più tardi.

Per Anak si tratta del secondo 9a+ di una carriera in continua ascesa, dopo la prima salita di “Sweet Neuf” a Vercors, in Francia, nell’autunno 2017. Lo scorso anno si era avvicinata nuovamente al 9a+ completando la prima salita di “Ciudad de dio spa la enmienda” (9a/++), a Santa Linya in Catalogna.

Dieci tentativi sofferti

“Sono arrivata a Oliana senza avere in mente una via specifica da provare”, racconta la Verhoeven sul suo profilo Instagram. “Arrivando alla falesia ho preso una decisione rapida: Joe Mama”.

Una salita non facile, tra alte temperature e roccia umida, condizioni che hanno determinate la necessità di prendersi qualche giorno di riposo a causa della “pelle dolorante”.

30 metri da affrontare quasi senza respiro, li descrive così la climber di Schriek. “Non ci sono quasi punti per prendere aria. Il passo chiave è intenso, con prese molto piccole, seguite da movimenti che richiedono tensione muscolare e resistenza”.

Un primo tentativo l’ha vista cadere una volta arrivata alla sezione chiave. Sono stati necessari molteplici tentativi e cambi di strategia prima di trovare il modo di superare il passaggio e lavorare sui movimenti successivi.

Quando ormai mancavano 2 giorni al rientro a casa e le speranze di farcela iniziavano ad abbandonarla, Anak al decimo tentativo, nonostante un dito fasciato a causa di un taglio e la stanchezza arrivata a livelli poco sostenibili, ce l’ha fatta.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.