• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Bike

Presentato il Giro d’Italia 2020, la Cima Coppi allo Stelvio

È stato presentato ieri il Giro d’Italia 2020. 21 tappe per l’edizione 103 della corsa Rosa che l’anno prossimo partirà da Budapest il 9 maggio per concludersi a Milano il 31 maggio.

Tre saranno le tappe a cronometro, sei le pianeggianti, sette di media difficoltà e cinque di alta montagna, sette arrivi in salita. In totale saranno 3.579,8 km e 45.000 i metri di dislivello nelle gambe dei ciclisti.

Dopo le prime tre tappe in Ungheria, la gara si sposterà in Sicilia, dove si potrà assistere alla prima tappa di montagna (la numero 5) con arrivo in quota sull’Etna dopo aver affrontato la scalata da Linguaglossa a Piano Provenzana (18 km media attorno al 7%, finale attorno al 10%).

Il Giro salirà poi verso nord lungo la costa adriatica e l’Appennino, per giungere domenica 24 maggio in Friuli Venezia-Giulia dove si potrà assistere alla seconda tappa di montagna: con partenza in pianura dalla Base Aerea delle Frecce Tricolori, ad attendere i ciclisti una sequenza di salite e discese quasi senza tratti di vero respiro fino ai piedi della salita finale: il Piancavallo, che presenta le sue pendenze più dure nei primi 6 km dove arriva anche al 14%.

Metterà a dura prova la tappa numero 17 dove si affrontano oltre 5000m di dislivello concentrati in poche salite, raccordate da ondulazioni senza riposo. Si scala l’inedita Forcella Valbona, il Monte Bondone dal versante di Aldeno (seconda parte oltre il 10%), il passo Durone e la salita finale di Madonna di Campiglio.

Il giorno dopo, 28 maggio, ad attendere le gambe già provate, il tappone alpino con la Cima Coppi. Quattro scalate per 5400m di dislivello: partenza in salita sul Passo Campo Carlo Magno per affrontare il Passo Castrin/Hofmandjoch che porta in Val d’Ultimo. Dopo la Val Venosta si scala lo Stelvio dal versante più impegnativo e quindi immediatamente dopo la salita finale ai laghi di Cancano con le “scale di Fraele” e i loro 21 tornanti perfettamente ritmati sul fianco della montagna.

Dopo la pianeggiante tappa 19, sarà il turno dell’ultima tappa di montagna, la penultima prima che il Giro d’Italia si concluda a Milano. Partenza da Alba, si pedalerà sul Colle dell’Agnello, per poi sconfinare in Francia sul Col d’Izoard e Monginevre. Salita finale al Sestriere. 5000 i metri di dislivello.

Il Giro si concluderà il 31 maggio a Milano con una crono da Cernusco sul Naviglio.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.