News

Uluru. Scatta il divieto di arrampicata, code interminabili per l’ultima salita

Mancano meno di 24 ore all’avvio del divieto di scalata di Uluru (o Ayers Rock), lo scenografico monolite di arenaria rossa del Parco Nazionale Uluru-Kata Tjuta,in Australia.

Un tempo limitato che non sembra attenuare le speranze delle centinaia di turisti che attendono in fila indiana di poterlo salire un’ultima volta.

Code interminabili che da mesi creano non pochi problemi nell’area del Parco, a causa dei tanti rifiuti abbandonati dai campeggiatori abusivi. A nulla sono valsi i numerosi tentativi delle tribù aborigine Anangu – che hanno avanzato la richiesta di introdurre il divieto di arrampicata per rispetto di un luogo per loro sacro – di chiarire che nessuno impedirà l’accesso al sito. Ciò che viene richiesto ai turisti è semplicemente di non salire sul monolite.

Tre mesi fa vi avevamo mostrato delle immagini del serpentone di turisti in coda alla base dell’Ayers Rock. Come preannunciato, in questi ultimi giorni la situazione non poteva che peggiorare.

In un video postato su Twitter dal giornalista di ABC News Oliver Gordon, è possibile notare quanti siano i curiosi già in coda prima delle 7 del mattino.

Pene severe per i trasgressori

Domenica inizierà lo smantellamento di corde e catene poste sul monolite per agevolare la salita degli escursionisti.

Nel mentre le autorità del Parco già si preparano ad avere a che fare con trasgressori del divieto che tenteranno ugualmente di scalare l’Uluru. Le pene inflitte si preannunciano significative, con cifre che potrebbero raggiungere anche i 10.000 dollari. Ed in caso di mancato pagamento sarà possibile da parte del Parco richiedere al Commonwealth Department of Public Prosecutions di avviare un procedimento penale.

 

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close