News

Ghiacciaio del Planpincieux: il settore frontale accelera, ma è tutto sotto controllo e riapre la Val Ferret

Il bollettino di Montagna Sicura del 4 ottobre 2019 relativo al ghiacciaio del Planpincieux

Continua a muoversi verso il basso il ghiacciaio di Planpincieux. Nelle ultime 24 ore, fanno sapere dalla Fondazione Montagna sicura – che sta curando il monitoraggio fotografico e radar -, “il movimento del settore B, quello stimato in 250.000 m3, registra una leggera diminuzione in termini di velocità, passando dai precedenti 30 cm al giorno a 25 cm al giorno. Il settore C risulta costante in termini di velocità rispetto ai dati registrati nelle passate giornate. I dati osservati nel settore A, quello più attivo, registrano una nuova leggera accelerazione, raggiungendo valori massimi di velocità di 105 cm/giorno”.

Alcuni crolli di piccole dimensioni (circa 1500 m3) si sono registrati nelle ultime 24 ore. Lunedì la parte frontale del ghiacciaio ha subito un crollo di circa 5000 m3.

Una situazione non allarmante, oltretutto nei prossimi giorni è previsto un abbassamento delle temperature che potrebbe portare ad un rallentamento del movimento del ghiacciaio.

Del ghiacciaio del Planpincieux se ne è parlato anche nella seduta della Regione Valle d’Aosta, in cui il Presidente Fosson ha ricostruito la vicenda: “I tecnici, valutata la persistenza dei dati che dimostravano il movimento anomalo del ghiacciaio, hanno avvertito l’autorità comunale del rischio di un’imponente frana di ghiaccio. Il Sindaco di Courmayeur ha quindi deciso di chiudere la strada della Val Ferret e di evacuare alcune case a rischio. E questo dimostra, ancora una volta, l’eccellenza del grande apparato di sicurezza della Valle d’Aosta”. “Purtroppo – ha proseguito Antonio Fosson -, la notizia è stata accolta da alcuni giornali in maniera allarmistica e non oggettiva; non solo, la situazione è stata enfatizzata dalla dichiarazione del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte all’Assemblea dell’ONU. Scoppiando l’allarme del collasso del ghiacciaio, è stato difficile riprendere in mano la situazione: d’altronde, fa più breccia la notizia di un’immane tragedia dovuta al cambiamento climatico rispetto al fatto che tutto sia sotto controllo”.

Riapertura della strada della Val Ferret

È entrata in vigore una nuova ordinanza dal Sindaco di Courmayeur Stefano Miserocchi che consente il transito sulla strada comunale della Val Ferret, chiusa settimana scorsa dopo i primi rilevamenti sul Ghiacciaio Planpincieux.

Sono possibili da oggi i transiti dei veicoli a motori dei proprietari di immobili, titolari di esercizi pubblici e attività commerciali o sportive delle aree a monte della zona vietata, ma anche alle imprese impegnate nei lavori, i funzionari pubblici e gli incaricati di pubblico servizio, i taxi e noleggio con conducente, i residenti delle aree a monte della zona vietata e altri soggetti autorizzati dal Sindaco e dal Responsabile della protezione civile e soprattutto ai turisti.

Per maggiori informazioni sull’apertura della strada, consigliamo di leggere l’ordinanza.

 

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close