• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Libri

Matteo Della Bordella arriva in libreria con “La via meno battuta”

Foto archivio Matteo Della BordellaFoto archivio Matteo Della Bordella
La copertina del libro

Sta per arrivare in libreria, il prossimo primo ottobre, La via meno battuta. Tutto quello che mi ha insegnato la montagna (Rizzoli, 2019), il primo libro di Matteo Della Bordella. L’alpinista varesino, pochi giorni fa rientrato da una fortunata spedizione sul Bhagirathi IV, si mette a nudo raccontando la sua storia di montagna, di amicizia, di paura e di coraggio, di strade non prese, per parlarci di come affrontare la vita e del potere che abbiamo di cambiarla.

A Matteo la montagna ha dato e tolto tanto: l’ha consacrato quale uno dei più geniali alpinisti della nuova generazione, ma gli ha anche portato via il padre Fabio, insegnante e istruttore del Cai scomparso nel 2007 in un tragico incidente in parete. Eppure Matteo ha continuato ad approcciare ogni vetta a viso aperto, con spirito leale e grande rispetto per la natura, lontano da ogni retorica di conquista. Perché l’arrampicata è più di uno sport: è un’inflessibile maestra di vita, un viaggio esistenziale nel quale ci si mette ogni volta alla prova tra gioie e spaventi, sfide e timori, traguardi e fallimenti, ascese e baratri. Oggi, questo giovane talento ci racconta come l’alpinismo gli abbia cambiato la vita, rendendolo l’uomo che è diventato. Le sfide affrontate in parete – dalle prime scalate con il padre, appena dodicenne, alle eccezionali imprese by fair means, ovvero senza mezzi artificiali – gli hanno regalato enormi soddisfazioni e impartito severe lezioni. Un percorso fatto di successi, di premi, della stima di maestri del calibro di Reinhold Messner, ma anche di cadute, sconfitte e passaggi dolorosi. Esperienze che l’hanno fatto crescere, in tutti i sensi. L’hanno reso capace di affrontare i propri limiti e lottare con quelle paure che si agitano nel profondo di ciascuno di noi. Immerso in una cornice di paesaggi mozzafiato il suo racconto va ben oltre la cronaca sportiva: ci mostra come scalare significhi innanzitutto scoprire se stessi, inventare e inventarsi costantemente, imparare l’arte della perseveranza, dell’accettazione e della rinuncia. E ci ricorda quanto sia importante, in montagna come nella vita, avere il coraggio di ammettere un errore o di percorrere la via meno battuta.

Titolo: La via meno battuta. Tutto quello che mi ha insegnato la montagna

Autore: Matteo Della Bordella

Pagine: 464

Editore: Rizzoli

Prezzo: 19 €

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.