• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
News

Parco 1923. Il profumo del PNALM scelto dal ministro Costa come biglietto da visita dell’ambiente italiano all’estero

“Forte e gentile”. Primo Levi definiva così la terra d’Abruzzo. Due caratteristiche che sono state sintetizzate in un profumo speciale, creato mescolando gli aromi delle piante del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, ribattezzato Parco 1923, in ricordo dell’anno in cui il sigillo reale fece nascere uno dei parchi più antichi d’Europa.

Una essenza particolare, per il suo valore territoriale, per la sua origine naturale, al punto da essere scelta dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa come marchio simbolo della bellezza, della conservazione e della valorizzazione dell’ambiente italiano all’estero. Lo ha portato con sé nei suoi recenti viaggi ufficiali in Oriente, dove ha incontrato in Cina il ministro dell’Ambiente Li Ganjie e il ministro della Scienza e della Tecnologia Wang Zhigang.

Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise diventa dunque simbolo dell’eccellenza dell’ambiente italiano, un patrimonio unico al mondo. Un’area della Penisola importante per la sua biodiversità, per la sua storia millenaria, per le faggete vetuste da preservare per l’alto valore ecologico e biologico, riconosciute nel 2017 come Patrimonio Mondiale UNESCO.

Come è nato Parco 1923? Basta fare un salto sul sito dedicato a questo profumo così speciale, per trovare la risposta: “Parco 1923 racconta i profumi di alberi centenari e foreste vetuste che fanno da padri protettori a fiori rari e delicati, conservati nel tempo grazie all’isolamento in cui il territorio ha giaciuto per secoli. Esperti preparatori, con l’ausilio dei botanici del Parco Nazionale d’Abruzzo, che da sempre studiano questi boschi, hanno catturato la fragranza della natura selvaggia e distillato la vitalità delle piante di una delle riserve più antiche d’Europa, in una preziosa essenza botanica”.

Gli “ingredienti” sono molteplici: muschio d’albero, legno di faggio, giaggiolo, ginestra odorosa, maggiociondolo, caprifoglio, angelica selvatica e ginepro.

 

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.