• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Outdoor

“A long day out”. 56 ore di allenamento con Kilian Jornet sotto il sole di mezzanotte


Quanto lontano bisogna andare per vivere un’avventura che renda un giorno qualunque un giorno speciale?

Kilian Jornet non ha dubbi: “Non c’è bisogno di andare lontano da casa o spendere un sacco di soldi per godersi una grande esperienza“.

Questo il messaggio del suo ultimo documentario dal titolo “A long day out”, girato in una giornata “qualunque” di allenamento dell’atleta spagnolo tra i fiordi norvegesi nel mese di giugno.

Una bella corsa da casa fino alla prima cima per poi proseguire il percorso in cresta di fiordo in fiordo, per godersi al meglio il sole di mezzanotte fino a che le gambe reggono.

56 ore totali per 168 chilometri con un dislivello di 22.000 metri. Nello zaino lo stretto indispensabile: un’imbracatura, un moschettone autobloccante, bastoncini da sci, varie corde e una piccozza.

Ma davvero un atleta con alle spalle sponsor di un certo livello può affermare che non servano grandi somme per divertirsi? Ebbene, il budget impiegato per compiere questa avventura dietro casa è di 72 euro tra acqua, cibo e barrette energetiche.

In sintesi zero scuse. Non serve un luogo speciale (anche se vivere sui fiordi di certo aiuta) né molto tempo e denaro a disposizione, soltanto un po’ di fantasia e la voglia di esplorare il territorio in cui si abita.

Il video non mostra di certo uno di noi. Tocca ammetterlo. Quello di “A long day out” è un Kilian ai suoi massimi livelli tecnici, in grado affrontare una enorme arrampicata frontale con la telecamera montata sulla testa. In due giorni soltanto un’ora e mezza di sonno e pochi sguardi incontrati eppure eccolo lì, con il volto rilassato di chi sta affrontando una passeggiata in montagna.

Non siamo alle quote di un Ottomila ma vi avvisiamo: occhio alle vertigini mentre guardate il video!

Articolo precedenteArticolo successivo

4 Comments

  1. 72 euro. Forse non ha messo in conto il costo delle fiale di acido ialuronico, che tra una ventina d’anni dovrà spararsi nelle ginocchia anche solo per camminare. ( Come già faccio io).
    Ma in Norvegia ci sono dei bravi chirurghi ortopedici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.