• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Natura, Primo Piano

Giornata Internazionale delle Foreste 2019. L’appello a sostegno delle montagne del Nord-Est

FAO, ONU, giornata internazionale delle foreste, PEFC, 21 marzo, ambiente, deforestazione, tempesta Vaia, cambiamento climatico

Il 21 marzo è un giorno doppiamente importante per l’ambiente, in quanto il primo giorno di primavera coincide con la Giornata Internazionale delle Foreste.

Una ricorrenza che si ripete annualmente dal 2013 su delibera dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, con la finalità di accrescere la consapevolezza collettiva di quanto sia importante il patrimonio arboreo per la sopravvivenza di tutto il nostro Pianeta.

Il Pefc Italia, associazione senza fini di lucro che costituisce l’organo di governo nazionale del sistema di certificazione PEFC (Programme for Endorsement of Forest Certification schemes), ha deciso di lanciare in occasione di questa speciale “festività”, un appello rivolto anche agli imprenditori del legno, per “sostenere le comunità forestali e le aree interne del NordEst, duramente colpite dai cambiamenti climatici“, invitando ad acquistare e utilizzare il legno proveniente dai territori danneggiati dalla tempesta Vaia, che nell’autunno dello scorso anno ha colpito le regioni nord orientali, soprattutto l’area del bellunese, con piogge torrenziali e raffiche di vento stimate oltre i 150 km/h.

Anche quest’anno cerchiamo dunque di ricordare quanto le foreste rappresentino il più importante serbatoio di biodiversità della Terra. Sono le superfici boscate a garantire la protezione del suolo, la qualità dell’aria e delle acque, a mitigare i cambiamenti climatici grazie alla loro capacità di assorbimento del carbonio oltre a fornire beni e servizi. Le foreste e gli alberi svolgono inoltre ruoli cruciali nella sicurezza alimentare, nella fornitura di acqua potabile, nelle energie rinnovabili e nelle economie rurali, fornendo circa il 20% del reddito alle famiglie rurali nei paesi in via di sviluppo e il combustibile per cucinare e riscaldarsi per una persona su tre.

L’ultimo rapporto sullo stato delle foreste a livello mondiale, pubblicato dalla FAO nel 2018, ha confermato la tendenza ormai acclamata di una progressiva diminuzione della superficie boschiva, esortando i governi a promuovere un approccio onnicomprensivo a beneficio sia degli alberi che dell’umanità.

Un invito ad arrestare la deforestazione, a gestire in maniera oculata e sostenibile boschi e foreste, a ripristinare le aree degradate e incrementare la copertura arborea in tutto il mondo per evitare conseguenze potenzialmente dannose per il pianeta e la sua popolazione.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.