• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Rubriche, Sicurezza in montagna

Come chiamare i soccorsi in ambiente impervio. I consigli del CNSAS

Terzo appuntamento con “Sicuri in Montagna”, brevi pillole settimanali a cura del CNAS che educano ad andare in montagna in piena sicurezza.

Nei due video precedenti avevamo visto i due protagonisti della serie del 2019, l’alpinista Geppo e il suo “angelo custode” Franz impegnati in attività di trekking invernale. Il primo episodio focalizzato sui rischi dei sentieri ghiacciati, il secondo sulla preparazione accurata dello zaino.

La terza puntata è invece dedicata a “Come chiamare i soccorsi in ambiente impervio”.

I due attori, tecnici del CNSAS, insegnano stavolta al pubblico su Youtube i giusti comportamenti da seguire in caso di emergenza, quando si verifichi un incidente e come allertare i soccorsi.

Si parte col sincerarsi delle condizioni di salute dell’infortunato, comprendendo dove provi dolore per poi coprirlo con un telo termico e chiamare il soccorso alpino indicando la località con coordinate e quota e raccontando la dinamica dell’incidente e le condizioni della vittima, infine fornendo indicazioni meteo generali per segnalare eventuali ostacoli al volo. In attesa dell’elicottero bisognerà riorganizzare i materiali presenti per evitare che vengano sollevati dal flusso d’aria e scegliere una persona tra i presenti che si impegni nella chiamata ad Y. Non mancano i consigli sugli errori da evitare quali la somministrazione di farmaci senza competenze mediche.

Sapere come agire in casi di emergenza può “fare la differenza per salvare una vita umana”.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.