• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Arrampicata, News

Da Arco all’aria sottile degli 8000m: è Messner la leggenda dell’arrampicata 2018

Si terrà venerdì 27 luglio ad Arco (TN) la tredicesima edizione di Arco Rock Legends, gli oscar dell’arrampicata sportiva che vedranno quest’anno il premio Climbing Ambassador by Dryarn® di Aquafil andare a Reinhold Messner. Si tratta di un riconoscimento riservato agli scalatori e alle associazioni che hanno maggiormente contribuito a promuovere l’arrampicata nel mondo, assegnato in passato all’International Federation of Sport Climbing e a personalità come l’alpinista scozzese e nobel per la fisica Michael Kosterlitz.

Il re degli ottomila è considerato il punto di congiunzione tra l’arrampicata su roccia e l’alpinismo. Con le centinaia di vie aperte sulle Dolomiti, Messner è stato il primo climber a superare l’8° grado in libera al Pilastro di Mezzo sul Sass de la Crusc. La sua attenzione si è focalizzata poi sull’alta montagna diventando, come ben noto, il primo alpinista a conquistare tutti i 14 ottomila, senza ossigeno ausiliario.

Oltre al Climbing Ambassador assegnato a Messner, altri due premi saranno assegnati durante la serata: il Wild Country Rock Award, destinato allo scalatore che più si è distinto sulla roccia e il La Sportiva Competition Award, per chi invece ha conquistato i successi più rilevanti nella stagione agonistica.

A contendersi il primo sono tre nomi d’eccezione: Angela Eiter, Alexander Megos e Adam Ondra. Se è vero che probabilmente Adam parte avantaggiato avendo come carta da giocarsi il primo 9c della storia, Megos ha alle spalle una grandiosa stagione e Angela Eiter il primo storico 9b femminile (l’anno scorso a vincere era stata Margo Hayes per il primo 9a+). 

Per i risultati agonistici, sono invece in lizza Romain Desgranges, Janja Garnbret e Reza Alipour Shenazandifard. Jania ha vinto il premio già l’anno scorso, ma era impossibile escluderla quest’anno dopo essersi messa in tasca l’oro nella Coppa del Mondo Lead e l’argento nella Coppa del Mondo Boulder. Desgranges si gioca invece il premio con la vittoria della Coppa del Mondo Lead ed il titolo di Campione Europeo Lead; Reza vanta la Coppa del Mondo Speed ed il un nuovo record del mondo di velocità (5.60 secondi per salire i 15 metri della parete, incredibile!). 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.