• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Luca Mercalli: «Vigneti a rischio, l’aumento della temperatura li fa salire di quota»

Filari di vite. Foto @ TrentoDoc

Solo una settimana fa abbiamo trattato gli effetti sulla biodiversità prodotti dai cambiamenti climatici e dall’aumento dell’influenza umana nelle terre alte. Uno di questi effetti era quello per cui le specie, siano esse animali o vegetali, tendono a salire di altitudine mano a mano che la temperatura aumenta. Nuovi spazi vengono infatti resi vivibili e specie che fino a quel momento avevano vissuto ad un altitudine minore si spostano più in alto, cambiando radicalmente l’ecosistema.

Luca Mercalli. Foto @ Stefano Colarieti

Ora Luca Mercalli – presidente della Società Meteorologica italiana, intervenuto al convegno “Vigneti sostenibili per climi insostenibili” organizzato a Roma dall’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari – prevede che questo spostamento riguardi anche la vite, spinta in quota ad altitudini impensabili fino a qualche decennio fa. È infatti possibile stimare per la viticoltura mondiale un aumento di quota di circa 800 metri e di 650 km di latitudine verso Nord.

«La temperatura globale – ha spiegato Mercalli – è aumentata di circa un grado nell’ultimo secolo e di 1,5°C in Europa occidentale e nel Mediterraneo: è come se un vigneto trovasse oggi le stesse condizioni di cent’anni fa 250 metri più in alto e 200 km più a nord. L’aumento delle temperature entro la fine del secolo potrebbe arrivare fino a 5 °C in più, in caso di fallimento delle misure di riduzione delle emissioni di gas serra previste dall’Accordo di Parigi. Con questo scenario l’aumento di quota e lo spostamento di latitudine per i vigneti sarà inevitabile».

Un grido d’allarme che ha preoccupato i viticoltori italiani alla luce delle basse rese in vigna: lo scorso anno forte il calo produttivo registrato in Italia pari al 20% in meno rispetto al 2016. Tuttavia, per una primissima previsione sulla vendemmia 2018, «la prudenza è d’obbligo», ha detto la coordinatrice Vino dell’Alleanza delle cooperative Agroalimentari Ruenza Santandrea, «ma fortunatamente a partire dalla fine di febbraio si sono registrate condizioni meteorologiche più consone a un normale ciclo di sviluppo della vite. Auspichiamo una vendemmia di quantità superiore allo scorso anno, ma inferiore in ogni caso al raccolto 2016 per effetto di una parziale riduzione della fertilità media indotta dal colpo di calore subito in estate».

 

fonte: Ansa

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. ma lui ? non è l’esperto che aveva previsto ZERO NEVE per quest’inverno ???
    P.S.
    ai vigneti piace caldo
    e secco
    chiedi, chiedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.