• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
News, Sport

Azzurri da Mattarella: “Le tante medaglie femminili incoraggiano le ragazze del nostro Paese”

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto ieri al Quirinale gli azzurri medagliati alle Olimpiadi e Paralimpiadi invernali di PyeongChang.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella con Sofia Goggia

Abbiamo seguito le gare dall’Italia intensità e partecipazione – ha dichiarato il Capo dello Stato rivolgendosi agli atleti -. Il fuso orario non consentiva di seguirvi sempre in diretta, anche se alcuni lo hanno fatto. E anche io l’ho fatto quando gli orari erano compatibili. Arianna Fontana ha avuto un crescendo, raccogliendo tutta la gamma dei colori in Corea. Ho visto i 500 metri, una gara emozionante, e quando c’è stata la premiazione ho capito ancora una volta quanto si esprima una preparazione impegnativa e faticosa in pochi secondi. Alcune volte questo sfugge a chi guarda Olimpiadi e Paralimpiadi, quanti sacrifici, quanto impegno ci sia dietro ai vostri risultati. Ho visto in registrata la discesa libera di Sofia Goggia, poi le ho parlato al telefono e ho fatto i complimenti anche alla Moioli, anche la sua gara è stata emozionante, uno straordinario spettacolo”.

Proprio alle azzurre Mattarella ha rivolto un’attenzione particolare. “Le tante medaglie femminili sono un bel dato: non me ne vogliano gli uomini, ma questo dato incoraggia le ragazze del nostro Paese a impegnarsi ancora di più”. Il Presidente della Repubblica ha sottolineato anche i risultati della coppia dello sci paralimpico, Gianluca Bertagnolli e Fabrizio Casal, autori di “gare straordinarie e modello di comportamento paradigma di vita, perché rappresentano la fiducia reciproca”.

Durante la cerimonia di riconsegna del tricolore olimpico gli atleti sono stati insigniti di una medaglia d’argenti da parte di Mattarella; presenti anche il presidente del CONI Giovanni Malagò, il presidente del Comitato Paraolimpico Luca Pancalli e il ministro dello Sport Luca Lotti.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.