News

Alpinista cade nel cratere del vulcano

immagine

SEATTLE, Usa — E’ stato ritrovato questa mattina il corpo senza vita di Joseph Bohlig, l’alpinista americano di 52 anni che lunedì è precipitato dentro il cratere del Mount St. Helens.

Il St. Helens è un vulcano ghiacciato nello stato di Washington, all’estremo nord ovest degli Stati Uniti. Il 18 maggio del 1980 balzò alla ribalta delle cronache per un’eruzione distruttiva che spazzò via il fianco nord della montagna, distruggendo 550 chilometri quadrati di foresta e provocando la morte di 70 persone. Da allora, il vulcano – ancora attivo – è diventato meta di turisti, visitatori e alpinisti impegnati sui suoi spettacolari versanti. 
 
Secondo quanto riportato dalla Cnn, l’alpinista morto in questa occasione è caduto per 450 metri nel vuoto. La vittima, stando al racconto dei soccorritori, era uno scalatore molto esperto. E, secondo i media locali, era un profondo conoscitore di quel vulcano lungo le cui pendici si era giù arrampicato una sessantina di volte. 
 
WP

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close