• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca

Lombardia, l’elisoccorso si alza in volo due volte per salvare dei cani. L’appello del CNSAS

L’elisoccorso è intervenuto oggi per un allertamento in Alta Valle Camonica. Quattro persone, residenti nel Bresciano, che si trovavano nella zona del Passo Miller, a circa 2800 metri di quota, hanno inviato un messaggio in cui comunicavano di essere in difficoltà. Era però molto complicato stabilire una connessione e avere maggiori informazioni, perché in quell’area la copertura del segnale è assai debole e irregolare. È quindi scattato l’allarme e la Centrale operativa, come accade in questi casi, ha inviato sul posto l’elicottero, con a bordo l’équipe medica e il tecnico di elisoccorso del CNSAS. Giunti sul posto, i soccorritori hanno verificato che non erano delle persone ad avere dei problemi, ma il cane che era con loro. Una ragazza del gruppo è stata comunque portata a valle con il cane. 

Simile un intervento in Val Masino dove un uomo è uscito per un’escursione in montagna con il proprio cane nella zona del rifugio Allievi, diretto al rifugio Ponti. Un temporale breve, ma molto intenso ha però reso scivoloso il sentiero e il cane è caduto da una placca ed è rimasto ferito. L’uomo, 49 anni, residente nel Pavese, ha cercato quindi di chiedere aiuto dando la posizione in cui si trovava ma le comunicazioni, già molto difficoltose, si sono interrotte. La Centrale operativa ha quindi inviato l’elisoccorso e le squadre del CNSAS, VII Delegazione Valtellina – Valchiavenna. Nella zona indicata però non c’era nessuno. I tecnici hanno percorso i sentieri della zona ma senza esito. Per precauzione, l’elicottero ha comunque eseguito un sorvolo nella vallata vicina e l’uomo è stato localizzato nei pressi del bivacco Manzi. Lo hanno caricato con il cane e riportato a valle. 

Due soccorsi che hanno spinto il Soccorso Alpino lombardo al seguente appello, che vi riportiamo:

È molto importante, quando si va in montagna con animali, tenere in considerazione anche le loro condizioni di salute, le reali possibilità che hanno di affrontare certi percorsi e lo stile di vita più o meno sedentario che conducono. Loro non possono decidere, ci seguono con fiducia e quindi è necessario che queste valutazioni siano tenute presenti da parte dei proprietari. Inoltre, quando ci si trova in difficoltà, bisogna ricordare sempre che l’elisoccorso è una risorsa cruciale per la comunità, impiegata per salvare la vita delle persone. Ogni minuto di volo ha costi assai elevati, con la presenza a bordo di una équipe altamente qualificata: ogni perdita di tempo può avere conseguenze drammatiche, se si distoglie il servizio dalle reali esigenze.

Per gli interventi non sanitari, inoltre, la Regione Lombardia ha previsto un piano tariffario, in applicazione della legge regionale 17 marzo 2015 n. 5 «Disposizioni in materia di interventi di soccorso alpino e speleologico in zone impervie, recupero e salvataggio di persone infortunate o in situazioni di emergenza». Il CNSAS, contrariamente a quanto talvolta viene erroneamente ritenuto, non è l’organismo che decide o stabilisce i pagamenti per gli interventi di tipo non sanitario in montagna, perché si occupa principalmente del soccorso in ambiente ostile o impervio e della prevenzione del rischio. 

Inoltre, le indicazioni il più possibile precise sul luogo in cui ci si trova sono importanti per ridurre i tempi degli interventi e non perdere tempo prezioso”. 

Articolo precedenteArticolo successivo

9 Comments

  1. io credo che l’elisoccorso debba comunque essere messo a disposizione dei cani, perchè si,è vero che loro non decidono e ti seguono, ma generalmente il padrone porta il suo fedele amico perchè lo conosce e sa di renderlo felice passeggiando tra le montagne. La scritta “salvare delle persone” non mi è piaciuta, perchè anche i cani hanno una vita, un cuore e dei grandi sentimenti. Un malessere o altro può capitare anche a loro involutamente, per questo hanno il nostro stesso diritto di salvataggio.

      1. Non sono d’accordo,

        non è giusto mettere a repentaglio la vita di persone (i soccorritori), con interventi in elicottero e, quindi, potenzialmente molto pericolosi per salvare quella di un animale

        Per quanto si possa essere affezionati agli animali, la vita di un uomo vale sempre di più

  2. @morena è però necessario, in qualsiasi condizione, che chi chiama il soccorso specifichi bene di che situazione si tratta in modo tale che i soccorritori predispongano una scala di intervento.
    Poi se si tratta di un animale mi sembra logico che l’intervento vada pagato da parte dei proprietari.

  3. Se sei disposta a pagarti tutto il costo dell’intervento, sempre che non ci siano altre urgenze, nulla in contrario.
    Ma non credo si possa assimilare la vita animale a quella dell’uomo in termini di importanza.

  4. Conosco bene la zona del Miller e vi assicuro che non è un posto dove portarsi i cani.Chi non ha il buonsenso di capire queste cose si merita di dover pagare tutto il costo dell’intervento.Cani o non cani .

  5. Il problema non è pagare o non pagare, ma il fatto che si tiene impegnata una squadra di soccorso che potrebbe servire per interventi più urgenti. In ogni caso, come è già stato detto, bisogna essere chiari e specificare chi e come è in pericolo, in modo da valutare e dare la giusta priorità alle varie situazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.