Alpinismo

Steck e i fuoriclasse: grazie per la pulizia del Baltoro

immagine

ASKOLE, Pakistan — “Grazie per questo lavoro. Sono contento che si parli alla gente del problema rifiuti. E’ la prima volta che vengo in Pakistan ed è un ambiente grandioso. Avanti così, Ueli Steck”. Il messaggio dell’alpinista svizzero campeggia sul libro-firme del ghiacciaio Concordia, nella base dell’operazione "Keep Baltoro Clean", avviata dal Comitato EvK2Cnr per ripulire il ghiacciaio dai rifiuti. Ma sono centinaia le persone che, come lui, hanno partecipato alle lezioni di “raccolta differenziata” e contribuito alla pulizia. Ecco foto e messaggi lasciati durante l’estate da personaggi come Veikka Gustafsson, che ha appena concluso i 14 ottomila, Jorge Egocheaga e molti altri ancora.

All’inizio dell’estate, erano già otto le tonnellate di rifiuti portati a valle dall’operazione Keep Baltoro Clean, tra carta, plastica, lattine, vetro e materiali tossici. Ma il progetto, che nel mese di agosto ha proseguito con enorme successo, non si è limitato a raccogliere spazzatura e portarla a valle. Prima educa la gente del posto, informa sulla raccolta differenziata, fa lezione agli alpinisti, ai portatori e ai turisti di passaggio. E poi provvede a smaltire.

Dove fa lezione? Principalmente nelle tende della “base” situata al Circo Concordia, 4.700 metri, punto d’unione dei ghiacciai Baltoro, Abruzzi e Godwin-Austen, dove si svolge una vera “scuola di educazione ambientale”. Lì uno staff pakistano di straordinaria diligenza si prodiga ogni giorno con lavagnette e dimostrazioni pratiche per insegnare a chiunque passi come bisogna comportarsi sul ghiacciaio. E il risultato è stupefacente: tutti, dai più grandi alpinisti ai portatori, dai canadesi agli iraniani, dai norvegesi ai coreani, sono entusiasti di dare una mano. Lo dimostrano i messaggi lasciati nel libro-ricordo, di cui vi riportiamo le fotografie.

“E’ grandioso vedere che si fa qualcosa per questo problema comune – scrive Gustafsson -. Gli alpinisti devono essere un esempio di comportamento, siamo visitatori e non abbiamo diritto a lasciare dietro di noi alcun rifiuto. Un’idea per continuare: diminuire il numero di liason officer, ora ce n’è uno per spedizione, e usare quei soldi per finanziare la pulizia in futuro. State facendo un grande lavoro!”

“Siamo appena arrivati a Concordia – scrive Jorge Egocheaga, spagnolo, diretto al K2 – e abbiamo trovato questo staff e questo grande e bel progetto. Daremo tutto il nostro supporto”.

Nel book, troverete messaggi di spedizioni provenienti da ogni parte del mondo. Spagna, Argentina, Nepal, Francia, Austria, Usa, Corea. Ma anche dei liason officer pakistani. Ci sono scritti dei canadesi Bruce Normand e Don Bowie, che lasciano un lungo messaggio di ringraziamento e di suggerimenti per il futuro, e delle spedizioni iraniane in Karakorum, che apprezzano in particolare come il progetto sia portato avanti da persone del luogo.

Nella gallery che pubblichiamo oggi, vedrete con i vostri occhi la montagna di sacchi di rifiuti raccolti nella zona. Rifiuti per la maggior parte già smaltiti grazie a Earth, lo smaltitore ecologico realizzato e installato nel villaggio di Askole da EvK2Cnr con l’azienda italiana Actelios del Gruppo Falck. E vedrete le “lezioni di raccolta differenziata” sul ghiacciaio Concordia, con un “allievo” speciale: Agostino Da Polenza, presidente di EvK2Cnr, durante il suo viaggio al K2.

Guarda la gallery 

Sara Sottocornola

Related links:
Baltoro e K2: ripulite 8 tonnellate di rifiuti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close