• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Rock

Aperta la via “No Mafia” a Capaci

Fonte: ANSA

Sopra a dove avvenne la strage di Capaci ora sorge la via “No Mafia”. Gli autori sono Daniele Bagni e Luciano Bizzotto, due alpinisti piemontesi e istruttori del CAI di Chivasso, che hanno aperto questo nuovo tracciato di media difficoltà, lungo 100 metri e che prevede tre tiri.

A marzo 2017 una gita scolastica ha scelto di visitare il percorso della legalità a Palermo, passando anche per la casina No Mafia. Sul luogo i bambini incontrano Antonio Vassallo, tra i primi testimoni della strage di Capaci; durante il racconto una maestra, Cesi Priano, nota le pareti rocciose circostanti e parla della passione del marito per l’arrampicata a Vassallo, e di quante possibili nuove vie potrebbero essere tracciate su quelle rocce. Dal canto suo Antonio esprime il suo desiderio di avvicinare i giovani allo sport proprio su quelle pareti.

Proprio da questo incontro nasce la nuova via: Daniele Bagni, marito della maestra, contatta alcuni amici per aprire una via proprio dove Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta sono stati uccisi. In due giorni, con l’amico Luciano, tracciano il sentiero, in un terreno fino ad allora incolto, e attrezzano la via. Il nome viene scelto proprio ispirandosi alla scritta che campeggia sopra alla casina, “No Mafia”.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.