News

G.Jorasses: rischio crolli e incidente mortale

immagine

AOSTA — Tragico incidente sulla Nord delle Grandes Jorasses. Un alpinista tedesco, dopo aver salito la temibile parete che svetta nel massiccio del Monte Bianco, è precipitato durante la notte mentre si calava in corda doppia. L’incidente accade proprio nei giorni in cui le autorità hanno deciso di chiudere l’accesso al rifugio Boccalatte per il pericolo di un enorme crollo di ghiaccio sul ghiacciaio Whymper.

Secondo quanto riferito dall’agenzia Ansa, l’alpinista sarebbe precipitato poco prima di mezzanotte nella zona del Reposoir, a circa 3.500 metri di quota. Stava scendendo in doppia dal versante italiano, verso il rifugio Boccalatte, insieme a tre connazionali e due alpinisti francesi che con lui avevano salito la nord.
 
Il suo corpo è stato recuperato questa mattina con l’elicottero del soccorso alpino. A causare la caduta sarebbe stato il cedimento di un ancoraggio, ma sulla dinamica dell’incidente si esprimerà più avanti la guardia di finanza di Entreves, che sta indagando sull’accaduto.
 
Nel frattempo, tutta la zona è in allarme per il rischio di crolli sul ghiacciaio delle Grandes Jorasses, che ha indotto le autorità valdostane a chiudere l’accesso al rifugio Boccalatte. Il politecnico EHT di Zurigo, che monitora la zona dopo l’enorme crollo di 180mila metri cubi del 1998, ha infatti previsto l’imminente distacco di altri 40mila metri cubi dal ghiacciao del Whymper.
 
L’Eht ha registrato infatti un’accelerazione degli spostamenti della massa glaciale negli ultimi giorni e ha previsto la possibilità di questo enorme crollo nelle prossime settimane. Un rischio che ha indotto il comune di Courmayeur a chiudere l’accesso a tutte le zone sottostanti.
 
Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close