News

Appennino ligure, arriva il rifugio ecoefficiente

immagine

ALESSANDRIA – Il primo rifugio dell’Appennino ligure autonomo dal punto di vista energetico sorgerà sul Monte Antola. I lavori sono già partiti e saranno ultimati entro questa estate.

“Entro settembre contiamo di ultimare un nuovo rifugio sul Monte Antola, all’incrocio con il sentiero che arriva a Bavastrelli – ha detto Roberto Costa, presidente dell’Ente Parco dell’Antola – Si estende su 400 metri quadri, avrà 32 posti letto, alcuni ambienti per il custode e una zona per la ristorazione e le attività didattiche”.

La novità è rappresentata dal fatto che il nuovo rifugio sarà totalmente autonomo dal punto di vista energetico. Il tetto infatti, è stato costruito con pannelli fotovoltaici che forniscono l’elettricità necessaria agli impianti. Un sistema di pannelli solari servirà per il riscaldamento dell’acqua, mentre il riscaldamento interno è garantito da una caldaia a legna.

Intorno al rifugio, i 50 mila ettari di terra che lo circondano verranno adibiti allo stazionamento dei cavalli e ad aree per le tende e le biciclette. Il piano di costruzione prevede inoltre bagni esterni con fosse biologiche e un locale di fortuna accessibile anche quando il rifugio è chiuso.

Il costo totale dell’impresa si aggira intorno ai 200 mila euro, coperto in parte dai fondi Cipe e in parte da fondi regionali.

Nella foto, il progetto del nuovo rifugio
Elisa Lonini

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close