• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Esteri

Nepal, 12 anni di carcere per aver ucciso una mucca

immagine KATHMANDU, Nepal — La sua religione lo permette, ma il paese nel quale vive no. E’ per questo che Kripa Bhoteni, buddista, è stata condannata a 12 anni di carcere per aver macellato una mucca nel nord est del paese.

Secondo le leggi nepalesi la macellazione di bovini è un crimine grave, che può portare anche alla pena di morte. Il Nepal infatti è ufficialmente un regno indù, e secondo la tradizione induista “Vedic-Sanatani”, mangiare la carne bovina è proibito e rappresenta un grande peccato.

In realtà l’incomprensione parte da lontano. La religione induista permette l’uccisione degli animali, ad esclusione dei bovini. Quella buddista, d’altro canto, avendo come credo principale la reincarnazione, non permette l’uccisione di nessun essere vivente. Non vieta però di nutrirsi di animali.

Bhoteni ha ucciso il vitello per mangiarne la carne, come sempre. E probabilmente non aveva nessuna intenzione di offendere i sentimenti degli indù. Anche perchè nella zona, oltre ad alcuni funzionari dello stato, nessuno professa quella religione.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.