Libri

Il mondo “vero” dell’Appennino raccontato in un libro

Di Gian Luca Gasca e del suo viaggio in Appennino abbiamo raccontato tappa dopo tappa. Presto la sua esperienza diventerà un libro, che uscirà nel 2018.

Il giovane piemontese si era cimentato nell’autunno 2016 in una traversata della catena appenninica realizzata in parte a piedi e in parte con i mezzi pubblici. Un viaggio alla ricerca di storia e cultura che gli ha permesso di attraversare un mondo nettamente diverso da quello alpino, ma ugualmente affascinante e ricco di storia. Un percorso ricco di sfaccettature culturali, ma anche personaggi singolari e particolari come il cantautore Francesco Guccini o il camminatore Michele Del Giudice. Personaggi che hanno fatto di questo viaggio un percorso alla ricerca di un mondo che, dalle parole dell’autore, appare in bilico sul filo del rasoio.

Un equilibro precario che a volte vacilla, come ci hanno dimostrato gli eventi degli ultimi mesi. Ma Gasca ha anche raccolto e raccontato un mondo che vuole sopravvivere, fatto di persone (montanari) con la scorza dura. Uomini e donne che resistono nonostante abitino in un territorio “triste”, come l’ha definito l’autore durante la conferenza stampa che si è tenuta il 21 dicembre scorso al CAI centrale. Un evento conclusivo che ha visto, tra gli altri, la partecipazione del presidente generale Vincenzo Torti e del vicepresidente Erminio Quartiani.

Gasca ha usato un appellativo forte. Un termine che precisa essere riferito all’assenza di cura istituzionale in questo territorio “che per molti non esiste. È come se ci si fosse dimenticati che l’Italia è un Paese di montagne. Riserviamo le nostre cure alle Alpi dimenticando che nelle altre regioni non ci sono solo spiagge” ha aggiunto a sostegno dell’epiteto utilizzato.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close