• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca

Terremoto: oggi i funerali di Stato

immagine

L’AQUILA — Dopo un’altra notte di paura per le ripetute nuove e forti scosse, L’Aquila si prepara all’estremo saluto delle vittime del terremoto. Oggi alle 11 si terranno i funerali di Stato per le 289 persone che hanno perso la vita lunedì notte nel sisma che ha spazzato via interi paesi dell’Appennino abruzzese. Saranno presenti tutte le più alte cariche della Repubblica, oltre che migliaia di persone.

La cerimonia funebre si tiene nel piazzale della Caserma della Guardia di Finanza, a Coppito, dove il segretario di Stato vaticano, monsignor Tarcisio Bertone, officerà i funerali di fronte alle 209 bare e ad una folla di migliaia di persone. Tremila sedie sono state disposte per i parenti, il pubblico, e le più alte cariche dello Stato, tutte presenti.
 
I soccorritori hanno iniziato durante la notte a disporre le bare davanti all’altare posto sulla scalinata del Palazzetto dello Sport. Le operazioni si sono svolte al freddo – il termometro segnava 3 gradi – e nella paura di nuovi crolli.
 
Mentre il Paese tutto si appresta al momento del cordoglio infatti, la terra, incurante, ha proseguito nel suo costante movimento verso l’assestamento. Alle 21:40 di ieri sera si è registrata una nuova scossa di 4.9 gradi della scala Richter. Il nuovo sisma ha fatto crollare un altro palazzo nel centro dell’Aquila.
 
Poi, secondo lo schema che si sta ripetendo regolarmente negli ultimi 4 giorni, un’altra scossa più lieve, di magnitudo 3,7, è stata avvertita poco prima delle 5:30. Quindi ancora una nuova replica alle 8,41 di questa mattina, di magnitudo 3.0. L’epicentro è stato localizzato intorno ai comuni di Campotosto, Capitignano e Montereale.
 
 
Valentina d’Angella
 
 
 
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.