News

Savoia, morti 3 studenti e una guida

immagine

VALMEINIER, Francia — Altre 4 persone sono morte ieri, travolte da una valanga. Questa volta sulle Alpi francesi. Questa volta le vittime sono 3 studenti di un istituto superiore. Con loro c’era anche la guida che li aveva portati su un fuoripista sul Col des Marches, nella valle della Maurienne in Savoia. Erano in 7 gli adolescenti che si trovavano a 2.700 metri di quota al momento della slavina: dei superstiti 2 sono miracolosamente rimasti illesi, altri 2 sono in gravi condizioni.

La valanga ha avuto grandi dimensioni, si calcola un fronte di 900 metri e 500 – 600 metri di lunghezza. Si è staccata alle 12,15 a 2.650 metri di quota, nella valle della Maurienne in Savoia, tra il Col des Marches e la Roche-Noire. In quel momento un gruppo di 7 studenti più una guida stava sciando su un fuoripista. Il posto e il momento sbagliato.
 
I ragazzi appartenevano all’istituto agrario La Motte-Servolex di Chambery, in Savoia, e pare stessero facendo una lezione di sci alpino prevista all’interno del programma scolastico. Erano quasi tutti sciatori molto esperti, tranne qualcuno, sicuramente l’ultimo della fila, che proprio per l’inesperienza scendeva più piano degli altri. Era rimasto indietro, e questo gli ha salvato la vita.
 
L’adolescente ha infatti visto davanti a sè i compagni venire travolti dall’arrivo della slavina, spazzati via in un polverone di neve. E’ stato lui a chiamare aiuto col cellulare, e sul posto sono intervenuti rapidamente 30 gendarmi e tre elicotteri per prestare i primi soccorsi. Pare che al momento il tempo non fosse dei migliori, e una spessa nebbia stesse limitando le visibilità.
 
Fatto sta che i soccorritori sono riusciti ad arrivare sul posto e con l’aiuto dell’arva hanno trovato i corpi dei giovani. Delle 7 persone sepolte sotto la neve, 3 erano ancora vive, anche se 2 dei ragazzi sarebbero feriti in gravi condizioni e attualmente ricoverate all’ospedale di Grenoble.
 
Niente da fare invece per gli altri 3 studenti e la guida alpina. Al momento dell’incidente in valle Maurienne il rischio valanghe era marcato di grado 3.
 
Valentina d’Angella

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close