News

Boeing precipita sugli Urali: 88 morti

immagine

MOSCA, Russia — Terribile incidente aereo nella regione montuosa degli Urali. Un Boeing 737-500 della compagnia di bandiera russa Aeroflot è precipitato nella notte. Tutte morte le 88 persone a bordo. Fra le vittime anche un cittadino italiano.

Degli 82 passeggeri che erano sul Jet, 21 erano stranieri ha precisato l’Aeroflot in un comunicato. A bordo c’erano un italiano Tomaso Martinazzo, nove azerbaigiani, cinque ucraini, un francese, uno svizzero, un lettone, un americano, un tedesco e un turco.
 
L’aereo di linea era partito dall’aeroporto Sheremietievo di Mosca e stava effettuando la fase di atterraggio nella città di Perm, importante centro degli Urali. Durante l’avvicinamento qualcosa è andato storto. L’ultimo contatto con l’aereo, quando si trovava a 1800 metri d’altezza. Poi lo schianto sulle montagne.
 
Una squadra di investigatori e tecnici è subito partita da Mosca per far luce sul disastro. Al momento non ci sono elementi che possano far pensare ad un attentato terroristico. Il presidente russo Dmitri Medvedev è stato informato della sciagura dal ministro per le situazioni di emergenza Serghiei Shoigu – hanno riferito le agenzie russe citando il servizio stampa del Cremlino.
 
Sul posto ci sono squadre di vigili del fuoco che hanno prontamente spento il terribile rogo dell’aeroplano. I rottami hanno in parte ostruito la vicina linea ferroviaria che attraversa le montagne per arrivare a Perm. La linea è stata chiusa al traffico. Non si segnalano vittime a terra.
 
Il disastro di questa notte è il peggiore della storia dell’aviazione russa. Mentre l’ultima sciagura ad aver coinvolto un aereo dell’Aeroflot risale al marzo 1994 quando in Siberia perirono 70 persone.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close