Ambiente

Studio sul ghiacciaio più a sud d’Europa

immagine

L’AQUILA — Tempo di studi e monitoraggio sugli Appennini abruzzesi. Il Calderone, il ghiacciaio più meridionale d’Europa, è infatti, in questi giorni, sotto la lente d’ingrandimento di studiosi e ricercatori. Insieme cercheranno di valutare i diversi cambiamenti climatici in atto negli ultimi tempi.

Un gruppo di climatologi e tecnici si sono dati appuntamento sul Gran Sasso, sede del Calderone, il ghiacciaio più meridionale d’Europa, per effettuare degli studi e dei rilievi. Secondo gli esperti, infatti, il monitoraggio è fondamentale per determinarne i cambiamenti climatici.
 
I risultati fino ad ora ottenuti mostrano infatti un aumento della temperatura dell’aria, una diminuzione, soprattutto in alta montagna della criosfera, la porzione di superficie terrestre coperta da ghiaccio di lago, di fiume, neve, ghiacciaio. Inoltre gli scienziati hanno riscontarto anche una diffusione di alcuni tipi di microrganismi e una variazione della temperatura del suolo.
 
 
Emanuela Brindisi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close