Ambiente

Orsi: cucciolo annega a Molveno

immagine

TRENTO — E’ morta nel lago di Molveno, dove è precipitata dopo essere stata colpita da una freccia narcotizzante esplosa dalle guardie forestali. Il triste incidente è accaduto nei giorni scorsi ad una giovane orsa trentina a cui doveva essere messo il radiocollare.

La giovane plantigrada abbattuta accidentalmente ieri pomeriggio, aveva due anni ed era probabilmente una nipote dell’ormai celebre orsa Jurka. Da qualche settimana si era resa protagonista di alcune scorribande vicino al paese di Molveno e i forestali avevano deciso di metterle il radiocollare per tenerla sotto controllo.
 
Le guardie l’hanno trovata, l’altra notte, mentre rovistava tra i rifiuti di un albergo e le hanno sparato la freccia contenente il narcotico per addormentarla. L’orsa, però, quando ha sentito di essere stata colpita è fuggita velocemente verso il lago di Molveno, dove purtroppo è precipitata.
 
Nel frattempo, l’anestesia ha iniziato a fare effetto. L’orsa si è addormentata e nel lago non ha potuto nuotare. Nel giro di pochi minuti, è annegata e le guardie l’hanno trovata circa un quarto d’ora più tardi vicino alla riva.
 
"Sono cose che possono capitare – ha detto alla stampa il dirigente del servizio foreste Romano Masè – nell’ambito di operazioni come questa. Abbiamo agito nell’ambito dei protocolli per assicurare la sicurezza ai cittadini: ai miei uomini non posso rimproverare nulla".
 
Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close