News

Alto Adige: raffiche di vento a 215 Km/h

BOLZANO — Forti, fortissime. Le raffiche di vento provenienti dal centro Europa hanno investito nei giorni scorsi l’Alto Adige. I dati resi noti questa mattina dicono che sul massiccio dell’Ortles di sono toccati addirittura i 215 chilometri orari.

Nel fine settimana appena passato l’uragano Emma aveva causato 14 morti al centro Europa, provocando gravi danni soprattutto in Germania e sulle Alpi austriache. Nei giorni scorsi però le conseguenze del ciclone hanno raggiunto anche le vette altoatesine.
  
Un fortissimo vento infatti, ha soffiato sul massiccio dell’Ortles a più di 200 chilometri orari. A Cima Beltovo le raffiche hanno addirittura toccato la velocità di 215 chilomentri, un record nella regione.
  
Fortunatamente però le correnti si sono attenuate, e hanno lasciato il posto alle precipitazioni e alla neve. Già dalle scorse ora infatti sta nevicando sulle Dolomiti e la situazione dovrebbe rimanere invariata fino a sabato. Inoltre sono previste nevicate in Piemonte e sull’Appennino, mentre nel weekend il tempo dovrebbe essere variabile su gran parte d’Italia.
 
Sulle Alpi Orientali già martedì si contavano in alcune zone più di 50 centimetri di neve fresca. Le precipitazioni nevose dovrebbero proseguire per le giornate di oggi e domani, mentre sabato dovrebbero lasciare il posto a un cielo coperto o variabile nell’area trentina, altoatesina e veneta. In Friuli invece la neve scenderà anche nel weekend..
   
In Lombardia non sono attese nevicate almeno fino a domenica, mentre in Val d’Aosta i fiocchi bianchi dovrebbero cadere sulle vette al confine con la Francia. In Piemonte invece, sono previsti tra i 15 e i 50 centimetri di neve nella zona di Bardonecchia e Sestriere.
   
Anche sull’Appennino le precipitazioni saranno abbondanti. A bassa quota pioverà fino a sabato, mentre in montagna sopra i 500 metri dovrebbe continuare a nevicare in Emilia, Toscana, Abruzzo e Calabria. Domenica il tempo dovrebbe però migliorare sia al centro che al sud Italia.
   
Insomma, grazie alle nuove nevicate la stagione invernale è destinata a durare ancora, per la gioia di sciatori e snowboarder. Se amate i fuoripista però state attenti alle slavine. I bollettini regionali infatti, informano che il pericolo è marcato 3 in Val d’Aosta al confine con la Francia, sulle montagne del Sestriere e sulle Dolomiti venete e friulane. Su tutto l’Arco Alpino comunque il pericolo valanghe dovrebbe diminuire nel weekend.
 
 
 
Valentina d’Angella

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close