News

Serata da non perdere: domani Simon Yates ospite a Nembro

Simon Yates
Simon Yates

NEMBRO, Bergamo — La sua impresa insieme a Joe Simpson ha ispirato un libro e un film: “Touching the Void”, “La morte sospesa”, che racconta la drammatica vicenda capitata ai due alpinisti sul Siula Grande. Domani Simon Yates è l’ospite eccezionale della rassegna Il Grande Sentiero di Lab 80: l’appuntamento è per venerdì 12 dicembre, alle 21, all’Auditorium Modernissimo di Nembro.

Simon Yates, cinquantenne britannico, è un alpinista che nella vita le ha fatte davvero tutte, compreso tagliare la corda a cui il suo compagno di spedizione era appeso per salvarsi la pelle. L’incredibile vicenda è accaduta nel 1985 in Perù, quando scendendo dalla Siula Grande, cima fino a quel momento inesplorata e poi mai più raggiunta da nessun altro, i due fortissimi scalatori inglesi ebbero un grosso incidente: Simon Yates, allora ventunenne, si trovò a reggere la corda a cui era appeso l’amico Joe Simpson, penzolante nel vuoto. Per salvarsi, decise di tagliarla e lasciar cadere il compagno.

Diventata trama di un libro e poi di uno straordinario film, la storia verrà raccontata al pubblico bergamasco direttamente dal suo protagonista durante la serata “Trent’anni dopo”, in cui Yates parlerà anche di tutte le altre sue imprese.

Una scena di Touching the void
Una scena di Touching the void

Nella sua ormai lunga storia alpinistica, ha salito montagne in ogni parte del mondo: dalla prima salita della parete ovest del Siula Grande nelle Ande peruviane del 1985 (6356 metri), alla prima salita del Leyla Peak e del Nemeka nel Karakorum pakistano del 1987 (6300 e 6400 metri), fino alle tredici prime cime recentemente salite nel Saven Range, in Groenlandia. Da guida alpina, ha inoltre raggiunto montagne come l’Ama Dablam in Nepal (6856 metri), il Denali in Alaska (6145 metri), l’Aconcagua in Argentina (6960 metri), il Khan Tengri in Kazakistan (6995 metri), lo Spantik in Pakistan (7027 metri), il Picco Lenin in Kyrghistan (7134 metri) e il picco Korzenevskaya in Tagikistan (7120 metri). Ha scritto inoltre tre libri: Against the Wall, The Flame of Adventure e The Wild Within; e tiene regolarmente conferenze in tutto il mondo.

Luca Calvi, amico e di Simon, sarà interprete per la serata, che si chiuderà con il buffet offerto da Gherim Gusto Solidale: bottega e caffè di Nembro. L’ingresso alla serata è libero e gratuito.

Il Grande Sentiero, rassegna dedicata a avventura, viaggi e montagna e giunta quest’anno alla sua sesta edizione, prosegue poi con un’ultima iniziativa a Colere, il 3 gennaio, con la proiezione di tre film: North of The Sun, Alone on The River e Verso dove.

Su www.ilgrandesentiero.it tutte le info.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close