AlpinismoAlta quota

Conto alla rovescia per le invernali sugli 8000, Tomasz Mackiewicz in acclimatamento per il Nanga

Tomasz Mackiewicz (Photo Tomasz Mackiewicz - www.rmf24.pl)
Tomasz Mackiewicz (Photo Tomasz Mackiewicz – www.rmf24.pl)

ISLAMABAD, Pakistan — Ha iniziato l’acclimatamento Tomasz Mackiewicz, l’alpinista polacco che tra poche settimane tenterà di compiere la prima salita invernale al Nanga Parbat. Mackiewicz, che sarà al campo base con il team di Daniele Nardi, potrebbe forse decidere di salire da solo per cercare di raggiungere l’obiettivo che insegue ormai da 5 spedizioni.

Mancano meno di 20 giorni all’inizio ufficiale dell’inverno. Mackiewicz si trova già in Pakistan, impegnato ad acclimatarsi su vette di 5000 metri, prima di spostarsi al campo base della parete Diamir del suo ottomila, il Nanga Parbat. Stando ad Explorersweb infatti, l’alpinista polacco è arrivato ad Islamabad il 12 novembre e una settimana dopo ha raggiunto Astore, l’ultimo grande centro abitato sulla via per il Nanga.

Gli obiettivi dell’acclimatamento sarebbero il Rupal Peak alto 5642 metri, dove dovrebbe essere arrivato l’1 dicembre, e il vicino Laila Peak alto 5971 metri. “Ho scelto obiettivi facili – avrebbe detto il polacco secondo quanto riferisce Explorersweb -. Sono concentrato. C’è una calma e una quiete inusuale. Mi sento bene”.

L’inverno scorso anche Ralf Dujmovits aveva scelto di acclimatarsi su altre cime per arrivare preparato al campo base del Nanga, peraltro tentato anche da lui dal versante Diamir.

L’inverno 2014-2015 è il quinto per Mackiewicz al Nanga. I primi due li aveva compiuti dal versante Diamir. Due anni fa era sulla parete Rupal con Marek Klonowski: da solo aveva raggiunto i 7400 metri, il punto più alto mai toccato da una spedizione invernale su questa montagna. L’anno scorso era di nuovo al Nanga, sempre sul versante Rupal, insieme a Klonowski, Jacek Teler e Pawel Dunaj. La massima quota raggiunta fu 7200 metri, in cordata con David Göttler, che faceva parte della spedizione di Simone Moro ed Emilio Previtali.

 

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Close
Back to top button
Close