News

Dodicenne in gita muore in un burrone

VIENNA, Austria — Terribile tragedia sulle Alpi austriache. Un ragazzino di 12 anni in gita scolastica è morto ieri nel comprensorio di Mallnitz, ai piedi delle montagne delle Hohe Tauern, nella bassa Carinzia. Il piccolo è precipitato in un dirupo ghiacciato durante un’escursione "clandestina" con alcuni compagni.

Il ragazzino, di origine inglese, si era addentrato nel bosco con tre amici verso le cinque del pomeriggio, durante le ore di libertà concesse di solito agli alunni per un giro in paese e per fare dei piccoli acquisti. I quattro, però, hanno imboccato un sentiero da soli per raggiungere un rifugio dal quale si gode una stupenda vista panoramica sulle montagne della Carinzia.
 
Dopo poche decine di minuti di cammino, però, i quattro ragazzini hanno visto la meta e hanno deciso di "tagliare" per i prati, in modo da raggiungerla più in fretta. Hanno iniziato ad arrampicarsi su un terreno che si faceva sempre più ripido, impervio, sassoso e a tratti coperto da neve ghiacciata.
 
Ad un certo punto, secondo quanto hanno riferito le autorità austriache, i quattro ragazzini si sono resi conto del pericolo e hanno deciso di fare dietro front. Ma durante la scalata, uno dei ragazzini è scivolato.
 
Un altro ha cercato di aiutarlo, di tendergli la mano. Ma nel protendersi verso di lui ha perso l’appiglio ed è precipitato nel vuoto per oltre dieci metri. Il volo gli è stato fatale: nell’impatto col terreno si è spezzata la colonna vertebrale all’altezza del collo, e il piccolo è deceduto all’istante.
 
A questo punto uno dei quattro ragazzini è sceso a valle di corsa, per cercare aiuto. Alla notizia dell’incidente, i soccorsi si sono mobilitati in massa. L’elicottero del soccorso alpino si è alzato in volo nonostante l’ora tarda e i tecnici hanno cercato disperatamente di raggiungere i piccoli calandosi con le corde, perchè sul posto il velivolo non riusciva ad atterrare. Dopo varie manovre hanno recuperato il ferito e poi il corpo del piccolo per cui ormai non c’era più nulla da fare.
 
Costernati i responsabili della  Howard School di Gillingham, nel Kent, che aveva organizzato la gita. "Porgo le mie più sentite condoglianze alla famiglia e agli amici – ha detto il preside Paul Morris -. A scuola siamo tutti devastati per l’incidente. Il resto delle classi rientreranno in inghilterra il prima possibile".
 
Ma nel frattempo, in patria, divampa la polemica sulla sicurezza delle gite scolastiche e sulla
convenienza di scegliere mete così "lontane e pericolose". L’incidente, infatti, è avvenuto durante le ore libere dei ragazzi per fare shopping. La scuola si difende dicendo che da vent’anni organizza la gita invernale a Mallnitz.
 
 Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close