Cronaca

Ghiaccio killer: altri 2 morti in Friuli

GEMONA, Udine — Sono stati ritrovati nel pomeriggio i corpi senza vita dei due escursionisti udinesi – un uomo e una donna – dispersi da ieri sulle montagne friulane al confine con la Slovenia. Sembra che la coppia sia scivolata sul ghiaccio, precipitando nel canalone sottostante: una dinamica molto simile a quella delle altre due morti avvenute nel weekend.

La conferma del ritrovamento dei due giovani dispersi sulle Alpi friulane è arrivata nel tardo pomeriggio. Si tratta dell’uomo e della donna di circa trent’anni  che ieri mattina erano partiti per un’escursione nella zona del Passo Tanamea, vicino Gemona, al confine tra Friuli Venezia Giulia e Slovenia.
  
Ieri sera non sono tornati a casa. I familiari hanno scoperto che mancavano solo stamattina, e subito hanno dato l’allarme. Le ricerche sono partite immediatamente. Il Soccorso alpino, la Guardia di finanza, i Carabinieri di Tolmezzo e la Forestale con il supporto dell’elicottero della Protezione civile regionale li hanno cercati in lungo e in largo, finchè non li hanno ritrovati. Purtroppo nella condizione peggiore.
  
I corpi senza vita dei due giovani si trovavano sul versante nord del monte Briniza, sopra Gemona. Giacevano in fondo a un canalone, dove probabilmente sono precipitati dopo essere scivolati dal sentiero sovrastante. Il percorso infatti, è spesso ghiacciato, e non è nuovo a incidenti di questo tipo. Solo lo scorso 9 febbraio un altro escursionista, Gabriele Mansutti di Tricesimo era morto nello stesso identico modo, sempre da quelle parti. 
  
Con i due giovani udinesi, sale a quattro il bilancio dei morti in montagna dello scorso weekend, tutti deceduti a causa del ghiaccio, in circostanze molto simili.
 
 
 
Valentina d’Angella
 
 
 
Related link

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close