Sci alpinismo

Trofeo Mezzalama 2015: un’edizione al contrario

La partenza del Mezzalama a Breuil-Cervinia il prossimo anno sarà sede dell'arrivo della competizione (Photo courtesy of Sito ufficiale Trofeo Mezzalama)
La partenza del Mezzalama a Breuil-Cervinia il prossimo anno sarà sede dell’arrivo della competizione (Photo courtesy of Sito ufficiale Trofeo Mezzalama)

AOSTA — “Andando all’indietro guardiamo in avanti!” è racchiusa in questa frase la novità più importante del Trofeo Mezzalama 2015. Il tracciato della classica di scialpinismo sarà infatti percorso al contrario: partenza da Gressoney-La-Trinité e arrivo a Breuil-Cervinia. La decisione è stata presa per ricordare i 150 anni dalla conquista del Cervino che ricorrono proprio il prossimo anno.

La ventesima edizione del Trofeo Mezzalama è stata presentata nei scorsi giorni a Milano. La gara si svolgerà il 25 aprile 2015, mentre le iscrizioni saranno aperte dal 5 gennaio 2015. Dopo le tante voci che si sono rincorse negli ultimi mesi finalmente è arrivata la conferma: il percorso della nuova edizione sarà invertito con partenza da Gressoney-La-Trinité invece che da Breuil-Cervinia e conseguentemente arrivo a Breuil-Cervinia invece di Gressoney-La-Trinité.

La motivazione è molto semplice: ricordare in modo significativo i 150 anni dalla conquista del Cervino, montagna simbolo della competizione nata nel 1933. Non è però la prima volta che avviene. Già nel 1937, per inaugurare la funivia Cervinia-Plan Maison, il percorso fu invertito e si partì da Capanna Gnifetti (3611 m) per arrivare a Plan Maison (2548 m). “Siamo i primi a essere curiosi, – ha dichiarato il presidente della Fondazione Trofeo Mezzalama, Giorgio Pession – ci chiediamo come sarà, ci stiamo impegnando al meglio e chissà che questo Mezzalama ‘al contrario’ non diventi un’alternanza, un modo per legare ancora di più queste valli”

“Ci sarà un approccio alla competizione completamente diverso. – ha spiegato Adriano Favre, direttore tecnico del Mezzalama – Cambiano i tempi di passaggio, visto che il dislivello totale aumenterà di circa 350 metri, le difficoltà tecniche aumenteranno e chi gareggerà il 25 aprile dovrà essere anche un alpinista. Sicuramente chi non ha le conoscenze tecniche e non è abituato a muoversi in alta montagna, potrà avere qualche difficoltà. I tratti già impegnativi come il Naso del Lyskamm e la cresta del Castore, affrontati in senso inverso rispetto agli scorsi anni saranno molto più tecnici e difficili.

Inoltre – prosegue Favre – l’ascesa da Gressoney-La-Trinité annullerà il tratto della salita lungo la pista del Ventina che da Breuil-Cervinia portava a Plateau Rosà, dove veniva premiata la sola performance atletica. Questa prima parte di gara avrà delle connotazioni tecniche importanti, con la salita in traccia e con numerose inversioni di marcia. La discesa verso Breuil-Cervinia non seguirà la pista Ventina, ma si sposterà verso il canale del Teodulo per poi arrivare in centro al paese completamente in fuori pista.”

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close