News

Caldo, perde la testa e si ritrova all’Aprica

immagine

BERGAMO — Fa troppo caldo, allora molla tutto e scappa all’Aprica. Solo che non se n’è accorto, dell’accaduto non ricorda niente. Protagonista della strana vicenda un barbiere bergamasco, la cui scomparsa è stata denunciata nei giorni scorsi dalla famiglia.

Mauro Vavassori, 40enne barbiere di Romano di Lombardia, venerdì era nel suo negozio "non-condizionato" e soffriva terribilmente il caldo. All’ora di pranzo ha chiuso l’attività per andare a mangiare, solo che invece di andare al bar o a casa, ha preso la macchina ed è fuggito all’Aprica a cercare un po’ di frescura.
 
Ma di questo spostamento, del resto della giornata, di quello che gli è passato per la testa, Vavassori ha solo vaghi ricordi. La sua memoria si interrompe a mezzogiorno del venerdì e riprende al suo risveglio, in macchina tra le montagne del Passo dell’Aprica.
 
Secondo il barbiere il caldo sarebbe il responsabile delle sue azioni: "Non l’ho fatto di mia volontà – ha dichiarato  – sono dispiaciuto di aver tenuto in apprensione la mia famiglia e mobilitato mezza Romano: colpa di un’amnesia causata dal gran caldo".
 
Con il passare delle ore alcuni ricordi sono riafforati alla mente del Vavassori: ha affermato infatti, di essere salito in macchina senza sapere cosa stesse facendo, di aver viaggiato verso le montagne e di essersi poi fermato a dormire vicino alla strada.
 
Al suo risveglio si è reso conto dell’accaduto, così ha immediatamente telefonato ai familiari che intanto avevano già dato l’allarme della sua scomparsa alle autorità.
 
Se il caldo non dà alla testa…
 
 
 
Valentina d’Angella

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close