Cronaca

Frana del Sorapiss: caduti 4700 metri cubi di materiale

Il gruppo del Sorapiss (Photo Giampaolo Trapasso courtesy of Wikimedia Commons)
Il gruppo del Sorapiss (Photo Giampaolo Trapasso courtesy of Wikimedia Commons)

BELLUNO — Sono stati presentati mercoledì presso la Prefettura di Belluno i risultati dello studio effettuato sulla frana del gruppo dolomitico del Sorapiss. I dati raccolti dai droni ed elaborati con modelli tridimensionali hanno permesso di determinare il volume del materiale staccatosi: 4mila 700 metri cubi.

Nella notte tra il 30 settembre e il 1° ottobre 2013, una frana di grosse dimensioni si è staccata dalla parete del Ciadin del Laudo, nel gruppo del Sorapiss delle Dolomiti Ampezzane. Nelle settimane seguenti si sono verificati altri distacchi di minore intensità e per maggior sicurezza il monitoraggio della situazione è stato effettuato con dei droni.

I velivoli di dimensioni ridotte, il cui volo è controllato da terra, avevano a bordo una particolare strumentazione che ha permesso una rilevazione molto precisa delle rocce del Sorapiss. I dati e le immagini sono stati elaborati, creando un modello tridimensionale della parete e dell’intera montagna.

Il modello tridimensionale è stato comparato con un modello precedente fatto dalla Regione nel 2006, ottenendo così uno studio dettagliato sui crolli avvenuti nello scorso autunno. I risultati sono stati presentati lo scorso mercoledì presso la Prefettura di Belluno. Dal raffronto, gli esperti hanno stimato che dal Sorapiss siano caduti circa 4mila 700 metri cubi di materiale.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close