Rifugi

Nuovo bivacco Cai cerca “adozione” per qualche mese

Il progetto del nuovo bivacco Giannantonj (Photo courtesy of www.loscarpone.cai.it)
Il progetto del nuovo bivacco Giannantonj (Photo courtesy of www.loscarpone.cai.it)

BRESCIA — AAA Cercasi spazio espositivo per l’installazione temporanea del nuovo bivacco Arrigo Giannanonj. L’appello arriva dal Cai di Brescia che cerca qualcuno che “adotti” la struttura fino alla sua installazione definitiva sul massiccio dell’Adamello.

Il bivacco Arrigo Giannanonj si trova in prossimità del Passo di Salarno, a 3168 metri di quota con vista sul Pian di neve del ghiacciaio dell’Adamello. Nel 2013 il Cai ha deciso di sostituirlo con una nuova struttura più funzionale e ha scelto il progetto creato dallo studio LaMA dell’università «La Sapienza» di Roma.

Il nuovo bivacco potrà ospitare 8 persone, a fronte dei 6 posti letto del precedente, sfrutterà sole e vento per riscaldare l’interno e riutilizzerà acqua piovana e neve. La struttura è ormai in fase di ultimazione, ma non potrà essere portata in quota fino all’estate. Si sta quindi cercando uno spazio urbano in cui posizionarlo temporaneamente.

“Sarebbe un’ottima occasione per illustrare ai cittadini di tutte le età che cosa è un bivacco e a cosa serve, oltre a far conoscere la vita di Arrigo Giannantonj, un alpinista che tanto ha dato alla storia dell’alpinismo bresciano” ha dichiarato Carlo Fasser, presidente del CAI di Brescia.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close