Alpinismo

Giallo al GII: austriaca muore al base

immagine

ISLAMABAD, Pakistan — Doveva cenare insieme ai suoi compagni di spedizione, intorno alle 19.30. Ma non si è presentata all’appuntamento: l’hanno trovata nella sua tenda, inspiegabilmente senza vita. E’ accaduto ad una alpinista austriaca impegnata sulla via normale del Gasherbrum II (Sud).

Dell’alpinista deceduta si conosce solo il nome: Ulrike. Ma si sa che faceva parte della spedizione internazionale Amical Team, formata da 10 alpinisti tedeschi, austriaci, olandesi e giapponesi tra cui Hirotaka Takeuchi.
 
Tutta la squadra (tranne Hirotaka e un portatore d’alta quota) era appena rientrata da una salita a campo 1, 5.950 metri, dove aveva montato quattro tende e trascorso la notte. Poi gli alpinisti erano scesi di nuovo al base, perchè nei giorni precedenti era caduto più di un metro di neve e il pendio era troppo a rischio di valanghe.
 
La sera dovevano cenare tutti insieme, ma Ulrike ha mancato il ritrovo. I suoi compagni, preoccupati, l’hanno cercata e trovata nella sua tenda priva di sensi. A nulla sono valsi i tentativi di rianimarla.
 
Secondo quanto riportato da Explorersweb, un medico della spedizione svizzera presente al base avrebbe poi stabilito che la sua morte era dovuta a "cause naturali". Forse, un arresto cardiaco. Il corpo dell’alpinista austriaca è stato poi elitrasportato a valle e forse già rimpatriato.
 
Dopo un doveroso stop di un paio di giorni, la spedizione sta ora proseguendo la salita verso i campi alti.
 
L’Amical Team è l’organizzazione commerciale di Ralf Dujmovits, marito di Gerlinde Kaltebrunner. Entrambi sono attualmente impegnati sul Broad Peak.
 
Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close