Cronaca

Tre polacchi bloccati da ieri sul M.Bianco

immagine

AOSTA — Travolti da una slavina. Feriti. E poi costretti a passare la notte all’addiaccio ad oltre tremila metri, tra i ghiacci dell’Aiguille di Bionassay. Due uomini ed una donna ferita ad una gamba sono bloccati da ieri sera nel gruppo del Bianco, mentre il maltempo ostacola le operazioni di soccorso.

I tre sventurati facevano parte di una cordata di cinque alpinisti che stava presumibilmente tentando la traversata dall’Aiguille di Bionassay alla cima del Bianco.
 
Una slavina, però, ha improvvisamente interrotto il loro cammino quando si trovavano a circa 3.600 metri di quota, ossia a cinquecento metri di dislivello dal rifugio più vicino. Tutti sono sopravvissuti, ma una donna sarebbe rimasta gravemente ferita ad una gamba.
 
"Due componenti della cordata sono riusciti a tornare al rifugio Gonella – hanno detto i esponsabili del l’Ansa Valle d’Aosta -. E da lì hanno lanciato l’allarme al soccorso alpino. L’intervento è stato immediato, ma il meteo ci ha impedito di completare l’operazione in serata".
 
Infatti, mentre i due alpinisti che si trovavano al rifugio venivano riportati a valle, le squadre del soccorso alpino e della guardia di finanza di Entreves tentavano di andare a recuperare i tre alpinisti rimasti bloccati sul ghiacciaio.
 
La nebbia e il maltempo, però, hanno impedito sia all’elisoccorso che alle squadre che salivano a piedi di raggiungere il luogo dell’incidente. E i tre travolti sono stati costretti a passare la notte all’addiaccio.
 
Fortunatamente erano attrezzati per un bivacco d’emergenza. Secondo quando riferito dai soccorritori, infatti, erano dotati di sacchi a pelo, fornellini e viveri sufficienti. Non appena il meteo migliorerà e calerà il forte vento, i soccorsi riproveranno a portare in salvo i tre polacchi.
 
Sara Sottocornola 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close