• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
News

Nuova legge negli Stati Uniti: impianti eolici possono “uccidere” le aquile

Eagle_and_American_Flag_by_Bubbels-300x225.jpg
Aquila calva (Photo Pam Roth courtesy of sxc.hu/Wikimedia Commons)
Aquila calva (Photo Pam Roth courtesy of sxc.hu/Wikimedia Commons)

WASHINGTON, Stati Uniti D’America — Entrerà in vigore l’8 gennaio 2014 la nuova legge federale statunitense che “permette” agli impianti eolici di non incorrere in alcuna sanzione se le aquile dovessero morire in incidenti con le pale delle turbine. Questa legge avrà validità per 30 anni e, non solo sminuisce l’Eagle Act che protegge questi volatili, ma mette in serio pericolo le specie.

L’Eagle Act è il titolo che sintetizza il Bald and Golden Eagle Protection Act, un atto del 1940 che proibisce negli Stati Uniti la cattura, l’uccisione o la persecuzione di due esemplari di aquile: l’aquila calva (Bald Eagle), emblema della Nazione, e l’aquila reale (Golden Eagle).

Tuttavia gli incidenti mortali capitati a queste due specie sono aumentati da quando sono stati posizionati sul suolo statunitense nuovi impianti eolici. Le aquile infatti muoiono poichè si scontrano con le pale delle turbine. Un problema serio se si considera che tra il 1997 e il 2012, lo United States Fish and Wildlife Service, agenzia che si occupa della gestione e conservazione della fauna selvatica, ha accertato il decesso di 86 esemplari tra aquile calve e aquile reali.

Una nuova legge federale fornirà protezione legale agli impianti eolici in cui le aquile resteranno inavvertitamente uccise dalle turbine, a patto che le morti siano registrate. Questo “permesso” entrerà in vigore dall’8 gennaio 2014 e sarà valido per i prossimi 30 anni, scavalcando, di fatto, l’Eagle Act.

Le associazioni ambientaliste statunitensi ritengono questa legge un modo per favorire le energie rinnovabili a discapito della conservazione dell’ambiente e delle specie animali e vegetali. Inoltre è grande la preoccupazione che questa legge possa mettere in serio pericolo le due specie di volatili, soprattutto l’aquila calva che è uscita dallo stato di specie a rischio solo nel 2007.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.