Ambiente

L’aquila dalla testa bianca non è più a rischio

immagine

NEW YORK – L’aquila pescatrice (o dalla testa bianca), il simbolo degli Stati Uniti, non rischia più l’estinzione e sarà rimossa dall’elenco delle specie protette. A darne notizia è stata l’agenzia federale per la fauna, la US Fish and Wildlife Service.

”E’ la storia di un successo nazionale”, ha dichiarato H. Dale Hull, il direttore dell’agenzia, annunciando che il maestoso uccello da preda verrà presto cancellato dalla lista degli animali a rischio.
 
Secondo il censimento fatto centomila coppie di aquila predatrice popolavano i cieli del Nord America quando arrivarono i primi coloni europei. Questo numero era sceso a 417 coppie nel 1963 a causa dell’uso di insetticidi come il Ddt e dello sviluppo che aveva distrutto l’habitat naturale dei predatori.
Oggi si contano 7.066 coppie di aquile in 49 Stati tra cui l’Alaska.
 
L’eliminazione dell’aquila dalla lista delle specie protette si accompagnerà a una serie di raccomandazioni volontarie e a una redifinizione del termine ‘disturbare’ per far capire a proprietari terrieri e a costruttori che la specie, seppur non più in via di estinzione, non può essere minacciata.
 
Elisa Lonini

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close