Arrampicata

Val di Mello, prima libera per Pedeferri e Schiera

Precipizio degli Asteroidi (Photo Luca Maspes)
Precipizio degli Asteroidi (Photo Luca Maspes)

SAN MARTINO VALMASINO, Sondrio — L’hanno battezzata Free Bebè, perché “in fondo ogni scalatore vorrebbe vivere come un bambino libero”, ma, a parte alcuni tiri di variante, la salita segue la via Savessimbebè, aperta nel 1986 dai fratelli Lisignoli e Sergio Panzeri. I Ragni di Lecco Simone Pedeferri e Luca Schiera hanno liberato l’itinerario che sale sul Precipizio degli Asteroidi, in Val di Mello.

La salita in libera della via era tra gli obiettivi di Pedeferri e Schiera già dalla primavera scorsa. Tra maggio e giugno i due Ragni hanno attaccato la parete del celebre Precipizio degli Asteroidi e approfittando di alcuni giorni di bel tempo, hanno aperto 3 tiri di variante sulla parte iniziale, “per sfuggire ad una zona piuttosto erbosa e antiestetica”. Poi la pioggia li ha fermati e il progetto è stato rimandato al rientro dall’estate.

“Salta il piano di finire il progetto di salire in libera una linea sulla parete est del Precipizio – scrive Pedeferri nel report pubblicato sul sito dei Ragni -, quella più selvaggia. L’idea è di  seguire una via misteriosa e mai ripetuta: Savessimbebè, aperta dai fratelli Lisignoli e Sergio Panzeri (che ringraziamo per averci lasciato carta bianca) nel 1986, la prima di questo settore”.

A fine settembre si è ripresentata l’occasione e Pedeferri e Schiera sono tornati in parete per concludere quanto iniziato.

Free Bebè (Disegno di Simone Pedeferri www-ragnilecco.com)
Free Bebè (Disegno di Simone Pedeferri www-ragnilecco.com)

“Ci siamo proprio divertiti di brutto – scrive Pedeferri -! Due giorni di buona scalata molto inglese con momenti eccitanti. La prima parte sotto un sole rovente, i piedi scoppiavano e appesi alla quinta sosta (non perfetta) aspettavamo che il tiro successivo andasse in ombra. Logicamente non ci è andato, perché l’ impazienza e la voglia di scalare hanno preso il sopravvento. Ne è uscita una lotta terribile tra caldo, roccia scivolosa e micronuts da piazzare. La parte alta invece ci ha regalato fessure da pulire con il cavanuts per proteggerci con gli immancabili micro, e un po’ di roccia sbriciolosa. In mezzo, un bivacco perfetto su una cengia perfetta (ben spianata da noi), con un pasto a base di couscous e noodles… purtroppo il socio è vegetariano: una volta si portavano formaggio e salame, i tempi cambiano! Ma forse il ricordo di questa salita si è formato nella parte alta, dove siamo riusciti a scalare a vista su roccia non sempre perfetta, creando alcune varianti pepate”.

“La via che ne è uscita non ha gradi elevati – conclude il Ragno di Lecco -, ma ha carattere ed era proprio quello che cercavamo, una via dove l’avventura era la base per trascorrere due giorni nel selvaggio. Il finale: le solite doppie al buio, con una sola frontale (perché Luca nei due giorni ha avuto difficoltà con la tecnologia, la sua si rifiutava di funzionare), e una discesa lenta per un sentiero lozzo illuminandoci a vicenda, accompagnati finalmente da una super stellata. Questa è stata l’avventura di Free Bebè: 18 tiri per 600m fino al 7b. Perché in fondo ogni scalatore vorrebbe vivere come un bambino libero”.

Info www.ragnilecco.com

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close