Turismo

Engadina, via libera alle seconde case

st moritz

SAINT MORITZ, Svizzera — Via libera ai turisti e alle seconde case in Alta Engadina. Il piano regionale che, su richiesta della popolazione, voleva impedire il proliferare delle case di vacanza nella zona di St. Moritz e dintorni, è stato respinto dai comuni.

Dua anni fa gli abitanti della zona avevano promosso un’iniziativa popolare per bloccare la costruzione di seconde case nella zona.
 
La proposta aveva raccolto il 70% dei consensi della popolazione locale ed aveva dato origine ad un piano regionale che limitava a 12.000 metri quadrati l’anno la superficie edificabile a seconde case.
 
Ma i comuni non l’hanno presa bene. Il primo a dire no al piano regionale è stato Celerina, seguito subito dopo da St. Moritz, Pontresina e S.Chanf. Non è chiaro, al momento, se le amministrazioni locali abbiano intenzione di muovere una controproposta.
 
Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Close
Back to top button
Close