News

Caduta fatale sulle Dolomiti ampezzane, 34enne morto sulla Croda d'Antruiles

Elicotero del Suem (Photo courtesy of www.ilgiornaledellaprotezionecivile.it)
Elicotero del Suem (Photo courtesy of www.ilgiornaledellaprotezionecivile.it)

CORTINA D’AMPEZZO, Belluno — É stato ritrovato questa mattina alle prime luci dell’alba sulla Croda d’Antruiles (2405 m.) il corpo senza vita di un escursionista disperso dal giorno precedente. Il 34enne sarebbe scivolato per un centinaio di metri, finendo in un canale dov’è stato avvistato dai soccorritori.

Secondo il comunicato stampa ufficiale emesso dal Cnsas Veneto, il 34enne di Cortina era partito ieri mattina attorno alle 10 per un’escursione sulle Dolomiti Ampezzane, senza specificare il luogo preciso in cui si sarebbe recato. Nel pomeriggio aveva telefonato alla moglie, ma in serata non era ancora tornato a casa. I famigliari si sono allarmati e, mentre lo cercavano, hanno ritrovato la macchina parcheggiata presso la località Tornichè, a poca distanza dalla malga Ra Stua, a nord di Cortina.

La famiglia ha quindi allertato il 118 che, a sua volta, ha mandato sul luogo il Soccorso Alpino. I soccorritori hanno iniziato a perlustrare la zona con l’aiuto dell’unità cinofila, ma a notte fonda hanno dovuto desistere sia per il buio che per l’arrivo di un temporale. Facendo il punto della situazione è emerso che il 34enne avesse intenzione di salire sulla Croda d’Antruiles, vetta di 2405 metri del gruppo montuoso della Croda Rossa d’Ampezzo.

I tecnici hanno quindi confrontato i tabulati telefonici i quali hanno confermato che il cellulare dell’escursionista, prima di essere spento, aveva agganciato una cella dell’area nei pressi della montagna dopo le 19. Alle 6 del mattino, non appena la luce lo ha consentito, l’eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore si è alzata in volo per perlustrare la zona. Il corpo senza vita del 34enne è stato individuato poco dopo in un canale a 2.160 metri di quota. Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo sarebbe scivolato, precipitando nel canale per un centinaio di metri.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close