News

Alpi, un’estate di acqua razionata?

immagine

BERGAMO — Inverno secco, acquedotti che perdono e corsi d’acqua modificati dall’uomo. La congiunzione di questi tre fattori sta facendo avvicinare pericolosamente lo spettro del razionamento dell’acqua sull’arco alpino.

La notizia è stata diffusa dalla trasmissione Ambiente Italia e ripresa dal portale Linea Cadorna. Tutto è partito dai dati riguardo le precipitazioni dei mesi scorsi, davvero spaventosi: in Piemonte, sarebbero cadute solo il 25 per cento delle piogge medie registrate negli ultimi dieci anni.
 
La situazione d’emergenza avrebbe indotto le autorità a ipotizzare il razionamento dell’acqua per alcune zone dell’arco alpino, ancora non ben identificate. A monte di questo grave provvedimento, però, non c’è solo il clima: buona parte della colpa sarebbe opera dell’uomo.
 
Sotto accusa, ci sono le centrali idroelettriche, in nome delle quali sono stati modificati i corsi d’acqua naturali delle montagne, e gli acquedotti, che secondo il parere di alcuni tecnici perderebbero in molti casi circa il 50 per cento dell’acqua trasportata.
 
Per maggiori informazioni, www.lineacadornaviadipace.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close