• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Prealpi Bellunesi, Guida alpina muore su una palestra di roccia

Un tratto della falesia di Schievenin, a Quero (Photo courtesy of www.orizzontiverticali.tv.it)
Un tratto della falesia di Schievenin, a Quero (Photo courtesy of www.orizzontiverticali.tv.it)

QUERO, Belluno — É precipitato sotto gli occhi della compagna mentre si stava calando dalla parete di roccia appena scalata. La tragedia si è consumata sabato nella palestra di roccia della valle di Schievenin, in provincia di Belluno. I soccorsi intervenuti sul posto non hanno potuto far altro che constatare la morte della vittima, a quanto pare una Guida alpina.

Il rocciatore era una guida alpina originaria di Valdobbiadene in provincia di Treviso, ma residente a Budoia in provincia di Pordenone. Nella mattinata di sabato si era recato con la propria fidanzata a Quero, in provincia di Belluno, per arrampicare su alcune vie della palestra di roccia della località di Schievenin.

Secondo la stampa locale, il 40enne aveva salito una via nel settore Bastionata sud e si stava calando a terra mentre la compagna gli faceva sicura, quando è avvenuto l’incidente: a pochi metri da terra qualcosa è andato storto e l’uomo si sarebbe schiantato al suolo sbattendo violentemente la schiena e il capo su alcune pietre.

La fidanzata ha dato immediatamente l’allarme e sul posto sono giunti un’ambulanza, l’elicottero del Suem di Treviso emergenza e il Soccorso alpino di Feltre e Prealpi Trevigiane. I tentativi di rianimare il 40enne sono proseguiti per circa mezz’ora, ma si sono rivelati vani. I sanitari non hanno potuto far altro che constatare il decesso del rocciatore e trasportarne la salma a valle.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.