News

Attacco informatico alle Olimpiadi: un denunciato

immagine

TORINO — La Polizia delle comunicazioni ha sventato un attacco informatico alla rete del Toroc, il comitato organizzatore delle olimpiadi.

Una persona è stata denunciata a piede libero. Si tratta dell’addetto di una società impegnata nella manutenzione delle risorse hardware e software del Toroc, entrato in possesso di alcune chiavi di accesso alla rete.
 
Gli investigatori sono convinti che l’uomo stesse cercando di danneggiare i sistemi informatici.
Secondo quanto si è appreso in un secondo momento, l’ apparato informatico del Toroc non ha riportato alcun danno.
 
Sono comunque in corso ulteriori accertamenti, In particolare, gòli inquirenti stanno cercando di capire in che modo l’ impiegato sia riuscito a carpire le chiavi di accesso alla rete "Admin" e le sue operazioni successive.
 
L’ attività di monitoraggio in ambito "olimpico" aveva già portato a un primo risultato nei giorni scorsi. Quando gli 007 informatici erano riusciti a risalire al nome di un antiquario di Torino
che depistava a suo vantaggio i navigatori della rete.
 
Il commerciante si era intestato cinque domini internet che in vario modo si richiamavano ai Giochi. Chi si connetteva veniva automaticamente indirizzato verso il sito web dedicato alla sua attività. La polizia delle telecomunicazioni, su richiesta dell’Ufficio legale del Toroc, ha rimesso le cose a posto.  
 
Intanto, un iracheno è stato arrestato al confine del Brennero mentre cercava di entrare in Italia. Portava con sè foto e ritagli di giornale riguardanti le Olimpiadi di Torino. L’uomo è finito in manette perchè trasportava 4 cittadine cinesi prive di permesso di soggiorno dall’Austria in Italia.
 
L’arresto, avvenuto sabato scorso, è stato reso noto solo oggi. Per il procuratore di Bolzano, Tarfusser "vanno verificate tutte le piste, anche se non va sopravvalutata quella del terrorismo. Non c’è motivo per allarmismi".
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close