• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Meteo

Tempesta di Halloween in arrivo: ma la quota neve è in rialzo

Tempesta (Photo courtesy theedgegym.blogspot.com)
Tempesta (Photo courtesy theedgegym.blogspot.com)

BERGAMO — Torna oggi il maltempo sull’Italia, con nuove nevicate sull’arco alpino inizialmente a partire da quote basse sulle regioni di Nord Ovest, ma con limite in aumento al passare delle ore. Sulle Alpi occidentali la neve inizialmente cadrà a partire dai 400-600 metri al mattino e fin verso il primo pomeriggio, in lento rialzo fin verso i 700-1000 metri in serata, anche al di sopra tra Valle d’Aosta ed alto Piemonte. Nuova nevicata attesa a Cuneo, che solo verso sera lascerà lo spazio alla pioggia.

La quota neve sarà più elevata sulle Alpi centrali, con limite al mattino intorno ai 700 metri in alta Valchiavenna, in rialzo fino a 1200-1500 metri nel corso del giorno sui settori retici e a quote più alte sulle Orobie. Sono attesi tuttavia accumuli di una certa rilevanza sulle Alpi Orobie al di sopra dei 2000 metri, anche fino a 50cm entro la fine del giorno.

Sulle Alpi orientali il limite della neve sarà più elevato, intorno ai 1300-1600 metri in aumento; il limite sarà temporaneamente più basso in serata tra il Gruppo Brenta e la Val di Non per forti precipitazioni previste. Sono attesi infatti accumuli anche di oltre un metro di neve fresca ad oltre 2000m di quota sulle Dolomiti più meridionali ed il basso Trentino.

La festa di Halloween sarà dunque caratterizzata da un’intensa perturbazione che porterà piogge, rovesci, temporali e venti forti con fenomeni anche intensi ed abbondanti. Il quantitativo d’acqua potrà risultare notevole, alto dunque è il rischio di allagamenti e dissesti idrogeologici soprattutto le regioni tirreniche, dalla Liguria alla Sicilia, poi toccherà alle altre regioni man mano che l’onda perturbata si porterà verso est.

Giovedì 1° Novembre sarà più soleggiato su coste e pianure, con fenomeni anche frequenti a ridosso delle Alpi e lungo la dorsale tirrenica, mentre venerdì sarà bel tempo quasi ovunque salvo un po’ di instabilità mattutina sul Triveneto.

Da domenica ci sarà un nuovo peggioramento del tempo con piogge soprattutto al Centro-Nord e regioni tirreniche. L’arrivo del sistema perturbato sarà preceduto da un forte richiamo di aria mite che si farà sentire in particolar modo al Centro-Sud. A seguire la saccatura potrebbe penetrare più direttamente sul Mediterraneo, facendo affluire aria più fredda e riportando le temperature al di sotto delle medie. Tale situazione determinerebbe una prosecuzione dell’instabilità ed il ritorno della neve a quote medio-basse in montagna.

Uno degli elementi salienti in questo periodo è dunque il continuo sali e scendi delle temperature. Del resto le oscillazioni termiche sono una naturale conseguenza dello scorrimento dei cicloni extra-tropicali e pertanto rientrano pienamente nella logica del periodo autunnale.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.