Meteo

Alpi, la neve è scesa fino a 600 metri

Neve sulle Alpi (Photo courtesy sky.it)
Neve sulle Alpi (Photo courtesy sky.it)

BERGAMO — E’ l’Austria ad aver toccato il record di neve a bassa quota durante la perturbazione che ieri ha imbiancato le Alpi: alcune località del Tirolo hanno visto scendere fiocchi bianchi fino a 600 metri di quota. In Alto Adige, invece, la neve è arrivata in abbondanza fino a circa 800 metri, costringendo alla chiusura dei passi dello Stelvio, del Rombo, del Giovo (già riaperto) e Pennes.

Se quello di ieri è un anticipo dell’inverno che verrà, hanno ragione a festeggiare le località sciistiche. Secondo quanto riferito dal primo bollettino valanghe della stagione, diramato dalla Provincia Autonoma di Bolzano, in Alto Adige nelle scorse ore sono caduti tra i 20 e i 40 cm di neve sopra i duemila metri.

“In alcune zone della provincia la neve è scesa fino ai 800 metri di quota – recita il bollettino -. Le zone maggiormente interessate sono state la parte centrale della cresta di confine e la zona dolomitica. La neve fresca si è depositata generalmente su terreno scoperto e non gelato. Solo sui ghiacciai era presente uno strato di neve vecchia ben consolidata. In alta quota e sui bacini glaciali la situazione per qualche giorno è invernale. Il distacco di valanghe a lastroni è possibile anche con debole sovraccarico, specie nelle zone di accumulo da vento”.

La nevicata ha investito anche l’autostrada A22 sul valico del Brennero, dove numerose auto rimaste bloccate sulle carreggiate dal lato austriaco.

Il maltempo ha causato problemi alla viabilità anche per la caduta di alcuni massi sulla statale della val Venosta a località Castelbello e in valle Isarco e val Sarentino.

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Da domani però tutti sotto il nuovo “cupolone” africano e tanti saluti a neve e aspirazioni autunnali fino a data da destinarsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close