News

Svizzera, speed flyer trovato vivo dopo 4 giorni di ricerche

Una delle numerose gole create dalle cascate di Trümmelbach (Photo courtesy of www.fotocommunity.de)
Una delle numerose gole create dalle cascate di Trümmelbach (Photo courtesy of www.fotocommunity.de)

LAUTERBRUNNER, Svizzera — É finita per il meglio la disavventura di uno speed flyer inglese in Svizzera. Il 33enne era partito sabato con due amici, ma poco dopo il decollo ha dovuto effettuare un atterraggio d’emergenza. L’uomo è finito in una gola sopra l’abitato di Luterbrunner senza potersi muovere ed è stato ritrovato sano e salvo nella serata di martedì.

I tre amici hanno raggiunto il Canton Berna nella giornata di sabato per intraprendere lo speed flying, lo sport estremo chiamato anche speed riding che unisce lo sci al volo, con una vela simile al parapendio. Il decollo è avvenuto dallo Jungfraujoch, il passo a 3471 metri tra Mönch e Jungfrau e l’arrivo era previsto nella cittadina di Lauterbrunner, ma al punto d’atterraggio sono giunti solo in due. Le ricerche del 33enne sono iniziate immediatamente da parte della Polizia Cantonale che ha chiamato a raccolta volontari del Soccorso Alpino ed Elicotteri di Rega, Air glaciers ed Esercito per una ricerca sia via terra che via aria.

Secondo la stampa britannica numerosi volontari da Svizzera, Francia e Germania – tra cui pare ci fosse anche il fortissimo alpinista svizzero Ueli Steck- si sono uniti alle perlustrazioni dopo che si è resa necessaria una raccolta fondi tramite Facebook poichè l’assicurazione dello speedflyer non ha più concesso i soldi per il pagamento dei mezzi di soccorso. Martedì sera il 33enne è stato finalmente individuato in una gola delle cascate di Trümmelbach, tra l’abitato di Lauterbrunner e la Jungfrau.

Secondo le prime ricostruzioni, lo speedflyer avrebbe avuto problemi durante il volo appena dopo il decollo ed è stato costretto ad un atterraggio d’emergenza. Finito nell’acqua di una delle cascate è riuscito ad uscire e ad asciugarsi il più possibile, ma a causa di una caviglia rotta non si è potuto spostare per raggiungere un punto più favorevole da cui essere visto. Un elicottero dell’Air Glaciers ha provveduto al suo recupero e al trasporto in ospedale.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close