News

Sabato tutti sui monti per l’eclissi di Luna

immagine

ROMA — Appassionati d’astronomia e romanticoni all’ascolto, preparate armi e bagagli per il prossimo weekend e trasferitevi in montagna, il più lontano possibile dall’inquinamento luminoso delle città. Per sabato notte è prevista infatti un’eclisse totale di Luna, che non accadeva dal lontano 28 ottobre 2004.

La Luna inizierà ad assumere quel magico collore rossastro, tipico delle eclissi, nella tarda serata del 3 marzo. Poi scomparirà e tornerà a splendere normalmente nelle prime ore di domenica 4. Per la precisione, l’eclisse incomincerà alle 22.30, per raggiungere il massimo a mezzanotte e venti minuti. Il fenomeno si concluderà definitivamente alle 2.11 del mattino.
 
L’eclisse totale di Luna avviene quando la Terra si trova a passare esattamente tra il sole e la luna. La terra getta così un cono d’ombra sul nostro satellite, che passando dietro di noi sparisce dalla "vista" del sole e di conseguenza non può più splendere di luce riflessa.
 
La Luna, prima di oscurarsi completamente, assume un colore rosso a causa della componente rossa dei raggi solari riflessi dal satellite e rifratti dall’atmosfera terrestre.
 
Un fenomeno affascinante e incredibile, che per essere apprezzato a pieno dovrebbe essere osservato da luoghi piuttosto bui e lontano dalle luci artificiali. Come un bel prato di montagna.
 
Ma se proprio non potete cercare solitudine in alta quota, potete informarvi presso le Associazioni di Astrofili locali che organizzeranno, probabilmente, serate osservazione pubbliche.  L’Uai (associazione astrofili italiani) promuove infatti la manifestazione "La Luna Rossa", serata osservativa pubblica nazionale dedicata all’eclisse totale di Luna, visibile anche via web attraverso il sito del Corriere con l’iniziativa "Il cielo in diretta".  
 
Per maggiori informazioni, visitare il sito dell’associazione astrofili italiani www.uai.it, dove gli appassionati possono anche trovare, ogni mese, il calendario dei fenomeni celesti più interessanti da osservare.
 
Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close