• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Svizzera, una notte di falò per diminuire il traffico sulle Alpi

FalòBERNA, Svizzera — “Introdurre la borsa dei transiti alpini – ora!”. Questo il monito che guida in questa estate 2012 la tradizionale campagna “Falò nelle Alpi” promossa dalla Cipra Svizzera. L’obiettivo è diminuire il traffico in transito sulle Alpi.

I falò sulle alture sono una tradizione nata nel Medioevo per lanciare segnali d’allarme in vista di pericoli imminenti. Su questa idea nasce la campagna “Falò nelle Alpi”, che attraverso questi falò visibili a grandi distanze vuole dare ogni anno un segnale a favore della conservazione dell’eredità naturale e culturale dello spazio alpino e contro la distruzione dell’ecosistema.

Quest’estate, i falò verranno accesi nella notte tra l’11 e il 12 agosto in svariate località alpine da Nizza a Vienna. Chiunque può aderire. L’obiettivo, stavolta, è accendere l’attenzione dei politici e degli amministratori territoriali sul problema dell’inquinamento e dell’intasamento delle strade alpine dovuto al transito di persone e soprattutto di merci.

L’appello 2012 è quindi per una gestione del traffico a livello internazionale su tutte le Alpi.

Nel 1986 venne lanciata per la prima volta l’idea di una catena di falò a livello europeo per lo sviluppo sostenibile delle montagne. Anno dopo anno, aumentarono enti e persone coinvolti. Dall’anno 2001 la gestione di Falò sulle Alpi è stata assunta dalla Cipra Svizzera.

 

Info: http://www.feuerindenalpen.com/

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.